10° anniversario dell’attacco israeliano alla Freedom Flotilla. Il webinar

Invito per il 10° anniversario dell’attacco israeliano alla Freedom Flotilla diretta a Gaza.

Unisciti a noi il 30 maggio 2020 alle 17:00 ora UTC (10:00 PDT West Coast Nord America, 13:00 EDT, 18:00 British Summer Time, 20:00 Palestina / ora della Mecca) per un webinar con il documentario di Iara Lee, autrice e relatrice, Norman Finkelstein e i passeggeri della Mavi Marmara, la nave umanitaria che fu brutalmente e letalmente attaccata dai commando israeliani dieci anni fa mentre navigavano per rompere il blocco navale israeliano illegale su Gaza.

Questo webinar fa parte di una serie di webinar sponsorizzati dalla Freedom Flotilla Coalition per commemorare i morti sulla Flotilla nel 2010.

Il webinar presenterà un breve resoconto dell’attacco alla Mavi Marmara e del tentativo di ritenere lo Stato di Israele responsabile presso il Tribunale penale internazionale. È richiesta la registrazione e lo spazio è limitato, quindi sii puntuale! E non dimenticare di controllare la differenza di orario per la tua città.

Le prime 500 persone che parteciperanno all’evento zoom riceveranno una copia elettronica gratuita del nuovo libro di Norman Finklestein, I ACCUSE! Con la presente una prova al di là del ragionevole dubbio che il procuratore capo dell’ICC Fatou Bensouda abbia su Israele.

Prima del webinar, puoi guardare il filmato di 1 ora di Iara Lee “Israeli Attack on the Mavi Marmara” https://bit.ly/3cxAcWe il cortometraggio di 3 minuti “Iara Lee testimonia alle Nazioni Unite” su ciò che è accaduto in quel micidiale notte: https://bit.ly/2xPqcIC

Il 31 maggio 2010, una flottiglia umanitaria di sei navi in ​​rotta verso Gaza, con a bordo settecento passeggeri, fu attaccata in acque internazionali da commando israeliani.

Durante l’assalto israeliano alla Mavi Marmara, nove passeggeri furono uccisi (un decimo passeggero morì in seguito per le ferite), 50 furono feriti e probabilmente centinaia di altri subirono oltraggi alla loro dignità personale, trattamenti disumani o torture.

I passeggeri delle altre cinque navi furono attaccati e picchiati dai commando israeliani. Una settima nave della flottiglia arrivò alcuni giorni dopo e fu anche attaccata. I passeggeri di tutte le navi furono arrestati e portati in Israele dove furono imprigionati e alla fine deportati.

Sulle sette navi della flottiglia c’erano passeggeri provenienti da 41 paesi. Tra i passeggeri di spicco della flottiglia c’erano Mairead Maguire (vincitore del premio Nobel per la pace), Denis Halliday (ex segretario generale aggiunto delle Nazioni Unite), Edward Peck (ex ambasciatore degli Stati Uniti in Iraq), Bulent Ildirim (presidente dell’organizzazione umanitaria turca IHH), parlamentari tedeschi, svedesi e kuwaitiani e il famoso autore svedese Henning Mankell.

Nel 2013, il governo dell’Unione delle Comore, stato a cui l’ammiraglia Mavi Marmara è registrata,  deferì la “situazione della flottiglia” al Tribunale penale internazionale. Il procuratore capo dell’ICC Fatou Bensouda avviò un “esame preliminare” per accertare se l’incidente giustificava un’indagine a tutti gli effetti.

Nel 2014, la Procura pubblicò i risultati dell’esame preliminare e scoprì che, sebbene esistesse una “base ragionevole per credere che siano stati commessi crimini di guerra”, l’incidente non era di “gravità sufficiente” per giustificare l’ulteriore delibera della Corte. Il procuratore di conseguenza decise di “chiudere l’esame preliminare”.

Il procuratore prese tale decisione appoggiandosi al resoconto israeliano dell’assalto mentre denigrava la testimonianza dei passeggeri e le conclusioni di una commissione delle Nazioni Unite. La sua vergognosa e spudorata copertura dei crimini israeliani travolse la Corte in una vera guerra civile, per cui il Pubblico Ministero ripetutamente dichiarò chiuso il caso, subendo la mortificazione solo quando fu riaperta da altri elementi della CPI. La “situazione della flottiglia” è ancora pendente dinanzi alla Corte.

Nel frattempo, lo stato della Palestina ha aperto un secondo fronte alla Corte penale internazionale poiché ha anche accusato Israele, in un rinvio separato, di crimini di guerra. In uno sviluppo bizzarro, il procuratore capo ha ora scambiato le parti mentre si prepara ad avviare un’indagine sui crimini israeliani nonostante l’opposizione indignata di Israele, di Stati Uniti e di una falange di eminenti avvocati internazionali che tentano di evitare a Israele la responsabilità legale per i suoi crimini.

Traduzione per InfoPal di L.P. 

tag: , , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"