120 milioni di dollari necessari per affrontare il Coronavirus in Palestina

Territori palestinesi – MEMO. Il primo ministro palestinese Mohammad Shtayyeh ha affermato che saranno necessari 120 milioni di dollari per combattere l’epidemia di coronavirus nei Territori palestinesi occupati.

Durante un conferenza stampa a Ramallah, l’ex-presidente del Consiglio economico palestinese per lo sviluppo e la ricostruzione ha fornito un aggiornamento sulla diffusione della pandemia e gli sforzi del governo per affrontare la crisi.

Il numero di casi nei Territori palestinesi è salito a 108, domenica, dopo che due nuovi casi sono stati registrati nella città di Hebron. Tra i casi positivi, nove sono nella Striscia di Gaza.

Mostrando i dettagli dell’assistenza internazionale nel controllare la pandemia, Shtayyeh ha affermato che l’Autorità Palestinese sta aspettando l’arrivo di aiuti sanitari dalla Cina per colmare la carenza di test e dispositivi respiratori.

Ha spiegato che le autorità sanitarie palestinesi sono attualmente in grado di realizzare mille test al giorno.

Ahmed al-Dik, consigliere del ministro degli Esteri palestinese, ha fornito ulteriori dettagli sull’assistenza internazionale in un’intervista a Reuters, affermando: “Un aereo cinese porterà aiuti sanitari in Palestina, Giordania, Libano ed Israele”, ha affermato al-Dik.

La quota palestinese dell’aiuto, secondo Dik, è di “100 mila kit di test per il coronavirus, oltre ad un buon numero di respiratori”.

Al-Dik ha affermato che entro pochi giorni saranno necessari i kit di test e i respiratori supplementari, spiegando che “molti palestinesi che lavorano in Israele torneranno nelle loro aree di residenza e dovranno condurre test per assicurarsi che non possiedano questo virus”.

Il ministero degli Affari civili palestinese prenderà in carico il materiale sanitario e lo consegnerà al ministero della Salute dopo il suo arrivo all’aeroporto Ben Gurion, di Tel Aviv.

Descrivendo l’impatto economico e umanitario, Shtayyeh ha affermato che il suo governo sta lavorando per “sostenere i poveri ed aiutarli a superare questo periodo difficile”.

Ha osservato che 106 mila famiglie stanno ricevendo aiuti dal governo, tra cui oltre 70 mila famiglie nella Striscia di Gaza, per la la quale ci si aspetta un collasso del sistema sanitario.

Si prevede anche che le entrate dell’ANP vedranno un drammatico calo in questo periodo di crisi, di oltre il 50%.

“Gli aiuti internazionali diminuiranno perché il mondo intero è in crisi, quindi lavoreremo con un bilancio d’austerità di emergenza, riducendo il più possibile i costi”, ha affermato Shtayyeh.

Nonostante la carenza, il Primo Ministro palestinese si è impegnato a pagare per intero gli stipendi dei dipendenti del settore pubblico per questo mese. Ha avvertito anche che “il deficit di bilancio raddoppierà e le perdite per l’economia nazionale saranno grandi”.

L’ANP sta lavorando con la Banca Mondiale per studiare l’impatto e i mezzi per rilanciare l’economia.

Traduzione per InfoPal di F.H.L.

tag: , , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"