Archivio del mese: luglio 2013

Diario dal Cairo

Diario dal Cairo

Diario dal Cairo di Mostafa Rifai Venerdì 19 luglio, ore 15. Lancio di lacrimogeni contro manifestanti pro-Mursi, davanti alla sede del ministero della Difesa. Grande corteo di manifestanti partito dalla piazza Rabea Adawiya verso la sede della Guardia Presidenziale. Carri armati bloccano il viale davanti alla sede del Dipartimento della Fanteria dell’Esercito per impedire l’arrivo dei manifestanti.         … Continua a leggere

Il governo ad interim egiziano presta giuramento

Egypt Independent. Il nuovo governo del primo ministro Hazem al-Beblawy ha prestato giuramento martedì davanti al presidente ad interim Adly Mansour. Abdel Fattah al-Sisi ha prestato giuramento come primo vice del primo ministro, ministro della Difesa, e ministro della Produzione militare. Ziad Bahaa Eddin ha prestato giuramento come vice primo ministro e ministro per la Cooperazione internazionale. Hossam Eissa ha prestato … Continua a leggere

Il Sinai sotto assedio militare in vista di manifestazioni

Il Cairo. Nella giornata di oggi, venerdì 19 luglio, l’esercito egiziano è in allerta nel Sinai e in tutto l’Egitto in vista di manifestazioni di sostenitori del deposto presidente Mohammed Mursi. Lo riferiscono AFP/Ma’an e Masry Al-Yowm, riportando la notizia da fonti della sicurezza. Le forze armate hanno installato checkpoint in tutte le entrate e le uscite del Sinai per … Continua a leggere

Fondazione al-Aqsa svela un nuovo piano israeliano nel cimitero di Ma’man Allah

Fondazione al-Aqsa svela un nuovo piano israeliano nel cimitero di Ma’man Allah

Al-Quds (Gerusalemme) – InfoPal. La Fondazione al-Aqsa per il patrimonio e i beni religiosi ha rivelato l’esistenza di un nuovo piano israeliano per costruire alberghi e strutture turistiche e commerciali su alcuni terreni del cimitero storico islamico di Ma’man Allah, a Gerusalemme. In un comunicato diffuso mercoledì 17 luglio, al-Aqsa ha affermato che il piano in questione rappresenta “una flagrante … Continua a leggere

Vice ministro israeliano: riconoscere confini del ’67 è un suicidio

An-Nasira (Nazareth) – InfoPal. “Chiunque sostenga la soluzione dei due stati deve rendersi conto che il riconoscimento dei confini del 1967 comporta un suicidio”. Lo ha dichiarato Zeev Elkin, vice ministro degli Esteri israeliano. In un’intervista radiofonica rilasciata venerdì 19 luglio, Elkin ha dichiarato: “In Medio Oriente, i negoziati con delle concessioni predefinite non avranno mai alcun successo”. Per quanto … Continua a leggere

Report settimanale del Pchr sulle violazioni israeliane nei TO

Gaza – Pchr. Le forze israeliane continuano gli attacchi sistematici contro i civili palestinesi e le loro proprietà nei Territori palestinesi occupati Le forze israeliane hanno continuato ad aprire il fuoco sui civili palestinesi nelle aree di confine della Striscia di Gaza. –          Un bambino palestinese è stato ferito ad est di Beit Hanoun. –          Un giovane e un bambino … Continua a leggere

Sicurezza di Gaza: nessun caso di infiltrazione o contrabbando al confine con l’Egitto

Gaza-InfoPal. Nessun caso di intrusione o contrabbando è stato registrato al confine tra Striscia di Gaza e Egitto. Lo ha affermato il comandante delle forze di sicurezza palestinesi di Gaza, Jamal Jarrah, nel corso di un sopralluogo effettuato presso il confine meridionale della Striscia di Gaza, tra l’Egitto e Rafah, dove sono schierate le forze di sicurezza palestinesi. In un … Continua a leggere

Rapporto: la decisione israeliana di sospendere gli arresti dei bambini è “una farsa”

Rapporto: la decisione israeliana di sospendere gli arresti dei bambini è “una farsa”

Ramallah-InfoPal. Il Centro studi Asra Filastin (Prigionieri della Palestina) ha definito la decisione emessa dal comandante militare israeliano della regione centrale, in cui si proibisce ai soldati israeliani di arrestare i bambini palestinesi di età inferiore ai 12 anni,  “una farsa che non avrà effetto sul campo”. In un comunicato diramato giovedì 18 luglio, il centro ha reso noto che … Continua a leggere

5 giornalisti feriti durante la protesta di Qalandia

Ramallah – Ma’an. Cinque giornalisti palestinesi sono stati feriti mercoledì dalle forze israeliane, nel tentativo di disperdere una manifestazione di protesta al check-point di Qalandia Le forze israeliane hanno sparato proiettili di acciaio rivestiti di gomma e granate assordanti dal posto di blocco militare per disperdere una protesta, ferendo Nida Younis, Naela Araj, Mufeed Abu Hasna, Omar Abdul-Raziq e il presidente … Continua a leggere

La marcia di Tisha B’Av a Gerusalemme Est segnata da violenza e danni alla proprietà

Imemc – Ida Vanhainen. Nell’area di Bab-al-Asbat, nella Gerusalemme Est occupata, la marcia annuale di Tisha B’Av è sfociata nella  violenza. La manifestazione ebraica, che segna “il lutto della distruzione del tempio”, è sfociata nella violenza, quando un gruppo di coloni, accompagnati da soldati israeliani, ha gettato pietre contro i residenti palestinesi e distrutto tre auto. La marcia, che è iniziata da Bab al-Amoud, è avanzata verso il Muro occidentale di Gerusalemme per l’evento religioso ebreico. Tisha B’Av è “una commemorazione di un lutto segnata da credenti che piangono sulla presunta distruzione di due templi”. Per questa speciale e solenne occasione, l’esercito israeliano ha chiuso la vicina strada di Bab al-Asbat. Questo non ha impedito, tuttavia, ai coloni e … Continua a leggere