Archivio del mese: novembre 2013

Jenin, Israele intende demolire la casa del giovane palestinese che ha ucciso un soldato

Jenin-InfoPal. Giovedì 14 novembre, le forze di occupazione israeliane hanno consegnato un avviso di demolizione della propria casa di due piani a Sherif Ghawadra, padre del giovane, Hussain, che ha ucciso un soldato israeliano mercoledì scorso. Il gesto israeliano farebbe parte della punizione collettiva avviata dopo il gesto del giovane palestinese. Il padre dell giovane ha reso noto che l’ufficiale … Continua a leggere

Gioventù per l’Intifada lancia un appello per manifestazioni di massa in Cisgiordania

Cisgiordania-InfoPal. La coalizione palestinese, Gioventù per l’Intifada, ha lanciato un appello ai palestinesi perché si uniscano alle manifestazioni di massa programmate per venerdì 15 novembre in tutti i punti di contatto con le forze di occupazione, a Gerusalemme e nelle città della Cisgiordania. La coalizione ha reso noto che le manifestazioni in questione avverranno in concomitanza con l’anniversario dell’ultima guerra … Continua a leggere

Maariv: “Muhammad al-Dayf, il leader che porterà Hamas alla prossima guerra”

 Qudsn.ps. Il 13 novembre, il giornale israeliano Maariv ha pubblicato, ad un anno dall’aggressione israeliana alla Striscia di Gaza, un ampio reportage dedicato a Muhammad al-Dayf, comandante generale delle Brigate Izz al-Din al-Qassam, braccio militare di Hamas, e al suo ritorno alla guida del movimento dopo l’uccisione di Ahmad al-Jaabari, vice comandante delle Brigate. Il giornale riporta che la morte di … Continua a leggere

Netanyahu cancella il piano di costruzione di 20.000 abitazioni coloniali

Gerusalemme-Ma’an. Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, martedì ha cancellato il piano per la costruzione di 20 mila nuove abitazioni in Cisgiordania, ore dopo che l’annuncio aveva incontrato critiche da parte di Stati Uniti e Palestinesi. Netanyahu ha ordinato al ministro per l’Abitazione, Uri Ariel, di “riconsiderare tutti i passi di valutazione di piani potenziali (per le case dei coloni) … Continua a leggere

Rapporto: le violazione israeliane a Gerusalemme sono aumentate ad ottobre

Al Khalil (Hebron)-InfoPal. Un rapporto palestinese ha rivelato un aumento delle violazioni israeliane nella città occupata di Gerusalemme durante il mese di ottobre. In un rapporto pubblicato martedì 12 novembre, il Centro di ricerca sui territori palestinesi ha rivelato che l’occupazione ha demolito 15 abitazioni e quattro strutture commerciali e agricole di proprietà di cittadini palestinesi a Gerusalemme. Il rapporto … Continua a leggere

Soldato israeliano ucciso a coltellate

Gerusalemme-AFP. Un soldato israeliano è morto mercoledì, dopo che un giovane palestinese l’ha accoltellato a bordo di un autobus, nel nord del paese, secondo quanto ha riferito la polizia israeliana. “Il soldato israeliano che è stato accoltellato questa mattina da un palestinese su un autobus alla stazione degli di Afula, ed è morto in ospedale per le ferite riportate”, ha … Continua a leggere

Mursi: “Il colpo di stato militare del 30 giugno è un crimine ed un tradimento”

Il Cairo – Quds Press. Muhammad Mursi, il deposto presidente egiziano, ha dichiarato di non aver incaricato nessuno per la sua difesa, e ha considerato che quanto accaduto lo scorso 30 giugno è stato un colpo di stato militare compiuto dallo Stato Maggiore dell’esercito, e dunque un crimine ed un tradimento. In un messaggio indirizzato all’opinione pubblica egiziana ed internazionale, letto … Continua a leggere

Al-Issa: pronti a presentare un dossier sui prigionieri alla Corte Internazionale dell’Aja

Qudsn.ps. Shawqi Issa, avvocato e direttore del “Centro per i diritti umani”, dichiara quanto sia importante che la Corte Internazionele dell’Aja faccia pressione sull’occupazione israeliana, specie dopo il riconoscimento dello Stato palestinese come membro non osservatore delle Nazioni Unite. L’avvocato dunque, in difesa dello Stato palestinese, si rivolgerà al più presto al Tribunale dell’Aja perchè i diritti dei prigionieri palestinesi … Continua a leggere

Una miscela di idee radicali e di idealismo spinge gli europei a unirsi alla jihad global

RT. Secondo il coordinatore anti-terrorismo dell’Unione Europea, Gilles de Kerchove, un modo per tenere a freno la minaccia esistente dei jihadisti europei consiste nel monitorarli una volta tornati dalle zone di guerra. Kerchove ha riferito a Rt che la maggior parte degli Stati membri dell’Unione Europea affrontano in maniera diversa la minaccia della radicalizzazione: tra questi, la consulenza psicologica fornita alle … Continua a leggere

Rapporto: 95% dei prigionieri palestinesi sottoposti a tortura

Rapporto: 95% dei prigionieri palestinesi sottoposti a tortura

Ramallah-Quds Press. Secondo dati delle organizzazioni umanitarie, circa il 95% dei detenuti palestinesi nelle carceri israeliane sono sottoposti a tortura in varie forme. L’organizzazione “Prigioniero palestinese” ha dichiarato, in una nota inviata a Quds Prss in data 12 novembre, che “la tortura, all’interno delle prigioni e dei centri di detenzione israeliani, è generalizzata e praticata nei confronti di detenuti palestinesi di … Continua a leggere