Archivio del mese: Maggio 2015

Gigantesco progetto di espansione ebraica vicino ad al-Aqsa

Gigantesco progetto di espansione ebraica vicino ad al-Aqsa

Gerusalemme-Quds Press. Un rapporto palestinese ha messo in guardia da un gigantesco progetto di espansione ebraica che impegna le autorità di occupazione israeliana nella zona della Moschea di al-Aqsa, un progetto denominato “Tempio biblico” (Centro Kadim). In un comunicato stampa pubblicato in data 27 maggio, il Centro Informazioni “Gerusalemme nostra” ha spiegato che il nuovo governo Netanyahu ha in programma … Continua a leggere

Le forze israeliane demoliscono una casa palestinese nel Negev

Le forze israeliane demoliscono una casa palestinese nel Negev

Negev. In una campagna in corso da parte del regime sionista per espellere le comunità beduine dal Negev, giovedì i bulldozer israeliani hanno demolito la casa di Ali Hammad Abu Rabia nel villaggio di Makhul. La sua abitazione è la terza appartenente alla famiglia Abu Rabia ad essere demolita da Israele negli ultimi otto anni. Le forze israeliane hanno chiuso tutte … Continua a leggere

La sfida di Gaza contro le torri di guardia israeliane: le Qassam costruiscono strada lungo la buffer zone

La sfida di Gaza contro le torri di guardia israeliane: le Qassam costruiscono strada lungo la buffer zone

Memo. Questa settimana, l’ala militare di Hamas ha dato il via ai lavori di costruzione di una nuova strada lungo la «zona cuscinetto» militare israeliana ai confini orientali della Striscia di Gaza. Contadini dell’area circostante hanno riferito di aver visto ruspe guidate dalle brigate di al-Qassam avvicinarsi alla «zona cuscinetto» e iniziare a scavare. “All’inizio, l’opera è stata condotta dalle … Continua a leggere

I palestinesi rifiutano di fare marcia indietro sul voto della FIFA su Israele

I palestinesi rifiutano di fare marcia indietro sul voto della FIFA su Israele

Zurigo – AFP, Ma’an. Mercoledì il presidente dell’associazione calcistica palestinese ha continuato a rifiutare di fare marcia indietro su un voto che minaccia di sospendere Israele dall’organo di governo del calcio, in seguito a colloqui con il presidente della FIFA Sepp Blatter. “Nulla è cambiato, il voto è ancora in programma”, ha dichiarato ad AFP Jibril Rajoub, presidente dell’Associazione Calcistica palestinese, … Continua a leggere

Le forze israeliane demoliscono una casa nel quartiere di Silwan

Gerusalemme-Ma’an. Le forze israeliane hanno continuato con le demolizioni nel quartiere di Silwan, nella Gerusalemme Est occupata, e gli escavatori hanno demolito una casa palestinese mercoledì mattina. Testimoni hanno riferito all’agenzia Ma’an che i soldati israeliani, insieme agli ispettori della municipalità di Gerusalemme, hanno fatto irruzione nell’area di Wadi Qaddum a Silwan, di primo mattino, e hanno bloccato la zona prima … Continua a leggere

Il vice ministro degli Esteri israeliano: “Questa terra è nostra, tutto qui appartiene a noi”

Il vice ministro degli Esteri israeliano: “Questa terra è nostra, tutto qui appartiene a noi”

Memo. Venerdì scorso, la neo nominata vice ministro degli Esteri, Tzipi Hotovely, ha affermato, davanti ai funzionari del Ministero, che tutto il territorio di Israele appartiene solo e soltanto agli ebrei. Secondo i media israeliani, Hotovely avrebbe detto che i diplomatici israeliani nel mondo devono iniziare a comportarsi secondo il principio di “essere corretti, non solo intelligenti”. Hotovely, 36 anni, che … Continua a leggere

Israele revoca lo status di residente a Gerusalemme alla moglie di un prigioniero

Israele revoca lo status di residente a Gerusalemme alla moglie di un prigioniero

Gerusalemme-Ma’an. Le autorità israeliane hanno revocato la residenza ad una donna palestinese di Gerusalemme Est dopo che vi ha vissuto per 23 anni, meno di due settimane dopo che suo marito è stato condannato a 9 mesi di detenzione in un carcere israeliano per il suo attivismo su Facebook. Il ministro dell’Interno israeliano ha rifiutato alla quarantatreenne Muna Abdullah al-Shalabi la … Continua a leggere

Il tasso di disoccupazione a Gaza rischia di essere una “bomba ad orologeria”

Il tasso di disoccupazione a Gaza rischia di essere una “bomba ad orologeria”

Memo. Secondo quanto riportato oggi da un membro del Knesset, l’aumento della disoccupazione nella Striscia di Gaza è “una bomba ad orologeria”, avendo raggiunto il  43% in base alle stime della Banca Mondiale. Il deputato Haim Yellin, appartenente al partito centrista Yesh Atid, ha sottolineato che gli abitanti di Gaza non appartenenti ad Hamas non sono da considerarsi nemici di … Continua a leggere