Archivio del mese: maggio 2017

Pastore palestinese ferito a sassate da coloni

Pastore palestinese ferito a sassate da coloni

Nablus. Sabato 27 maggio, un gruppo di coloni israeliani ha aggredito un pastore palestinese del villaggio di Madama. Si tratta di uno dei più recenti attacchi perpetrati contro i Palestinesi dai coloni dell’insediamento di Yitzhar, nel distretto di Nablus. Fonti della sicurezza palestinese hanno riferito a Ma’an che diversi coloni israeliani di Yitzhar, insediamento localizzato a poche centinaia di metri a … Continua a leggere

Riunione del governo israeliano sotto il Muro di Buraq per ulteriore colonizzazione di Gerusalemme

Riunione del governo israeliano sotto il Muro di Buraq per ulteriore colonizzazione di Gerusalemme

PIC. Il movimento di Hamas ha condannato duramente l’occupazione israeliana per aver tenuto la seduta settimanale del governo sotto il Muro di Buraq (o muro occidentale) del complesso della Moschea di al-Aqsa. In un comunicato stampa divulgato domenica, il portavoce di Hamas, Abdul-Latif Qanua, ha dichiarato che svolgere la seduta del governo nei tunnel sotterranei sotto l’area di al-Buraq per … Continua a leggere

Vite sotto assedio: negate le cure mediche ai malati di Gaza

Vite sotto assedio: negate le cure mediche ai malati di Gaza

Gaza-PCHR. Muhammad Walid Kaoud è un padre e un marito residente nell’area di El-Sheikh Omari, a est di Khan Younis, che insieme ai suoi cinque fratelli ha visto suo padre Walid Kaoud morire di una morte lenta causata da un cancro al colon all’età di 59 anni, facilitata dall’assedio israeliano. Muhammad inizia a raccontare la storia di suo padre: “Nel … Continua a leggere

Hajja Fatima racconta i ricordi e i momenti dolorosi della Nakba

Hajja Fatima racconta i ricordi e i momenti dolorosi della Nakba

Jenin – PIC. Sulla soglia di casa sua, in una stradina del campo profughi palestinese di Jenin, nel nord della Cisgiordania, l’ottantenne hajja Fahima Khalil Mostaf an-Nasri, circondata da vicini, nipoti e bambini del quartiere, racconta le quattro guerre che hanno colpito la Palestina, cominciando con quella della Nakba (la tragedia del 1948) e terminando con quella del campo di Jenin … Continua a leggere

A proposito di Gaza e dell’assedio: perché si permette che avvenga?

A proposito di Gaza e dell’assedio: perché si permette che avvenga?

PIC. “Stavamo soltanto obbedendo a degli ordini!” “Non ci si può difendere in nessun modo per aver obbedito ad ordini illegali. Ricordate Norimberga?!” – Dialogo inventato con un agente israeliano A metà maggio, il Comitato Internazionale della Croce Rossa ha avvertito sull’imminente collasso della Striscia di Gaza affermando, in una allarmante dichiarazione, che: “La scarsità di energia e la grave carenza … Continua a leggere

“L’istruzione è l’arma più potente che puoi usare per cambiare il mondo”

“L’istruzione è l’arma più potente che puoi usare per cambiare il mondo”

A cura dei Giovani Palestinesi d’Italia. “L’istruzione è l’arma più potente che puoi usare per cambiare il mondo”. Chissà se Nelson Mandela pronunciando queste parole pensava alla Palestina: a livello d’istruzione si posiziona al primo posto nel mondo arabo e tra i primi posti a livello mondiale. L’istruzione in Palestina è divisa in varie tappe: scuola materna, elementare, media, superiore … Continua a leggere

“Venerdì della rabbia” in tutta la Cisgiordania occupata: decine i feriti e gli asfissiati

“Venerdì della rabbia” in tutta la Cisgiordania occupata: decine i feriti e gli asfissiati

Cisgiordania-Quds Press e PIC. Venerdì pomeriggio, decine di cittadini palestinesi sono stati feriti durante violenti scontri con le forze di occupazione israeliane (IOF) in diverse aree della Cisgiordania, in occasione di manifestazioni in solidarietà con i prigionieri politici palestinesi. Un Palestinese è stato ferito dai proiettili israeliani, mentre altri nove sono rimasti intossicati dai lacrimogeni, durante scontri scoppiati a Beita, nel sud … Continua a leggere

API: lo sciopero dei prigionieri, una vittoria. I paesi arabo-islamici dovrebbero sostenere la lotta palestinese

API: lo sciopero dei prigionieri, una vittoria. I paesi arabo-islamici dovrebbero sostenere la lotta palestinese

Genova-InfoPal. E’ finito oggi, sabato 27 maggio, il lungo sciopero della fame che ha coinvolto circa 1600 prigionieri politici palestinesi rinchiusi nelle carceri israeliane che chiedevano il rispetto dei diritti umani basilari. Ne abbiamo parlato con l’arch. Mohammad Hannoun, presidente dell’Associazione dei Palestinesi in Italia – API. “E’ una vittoria per i nostri prigionieri palestinesi che sono riusciti, attraverso un … Continua a leggere

I prigionieri politici palestinesi interrompono lo sciopero della fame: raggiunto accordo con Israele

I prigionieri politici palestinesi interrompono lo sciopero della fame: raggiunto accordo con Israele

Quds Press e PIC. I prigionieri politici palestinesi nelle carceri israeliane hanno sospeso il loro sciopero della fame all’alba di sabato, dopo aver raggiunto un accordo con il servizio carcerario israeliano (IPS) in relazione alle loro richieste. Secondo Issa Qaraqe, presidente della Commissione palestinese per gli affari detenuti e ex detenuti, i prigionieri hanno deciso di fermare temporaneamente il loro sciopero … Continua a leggere