La commissione gerosolimitana: le forze di occupazione stanno portando avanti un nuovo tipo di “ebraicizzazione”

Al-Quds (Gerusalemme occupata) – Pal.info. La commissione islamico-cristiana per la difesa dei luoghi santi ha avvertito che le autorità di occupazione israeliane stanno sviluppando una nuova tipologia di “ebraicizzazione” nella Gerusalemme occupata.

La commissione, in comunicato stampa, ha infatti reso noto che l’occupazione israeliana sta progettando la costruzione di un cimitero di sei piani, in grado di contenere ben 35mila tombe, a Gerusalemme, aggiungendo che tale intenzione rientra nel piano di “ebraicizzazione” dell’intera area.

Secondo la commissione, questa decisione rappresenterebbe l’attuazione di una nuova tipologia di politica “ebraicizzatrice” di Gerusalemme, che si aggiunge a quelle già in atto, e che prevedono l’edificazione di numerose sinagoghe nonché, tutt’intorno ad esse, di insediamenti ebraici.

La commissione ha inoltre messo in evidenza l’intenzione israeliana di costruire 11 nuove ferrovie in Cisgiordania, al fine di garantire i collegamenti fra i vari insediamenti coloniali sparsi in tutta la regione.

Risulta dunque chiaro il disegno perseguito da Tel Aviv che, dapprima ha espropriato migliaia di ettari di terra palestinese, per poi costruire il Muro d’annessione e gli insediamenti che ora intende collegare grazie alle nuove ferrovie.
La commissione ha dunque fatto appello ai paesi islamici, all’ecumene islamica e alla comunità internazionale affinché prendano coscienza di tali “crimini”, peraltro in rapido aumento.

 

 

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"