248 Palestinesi uccisi da ottobre 2015

59InfoPal. In Palestina è in atto un stillicidio di morti, ma i nostri media mainstream non se ne accorgono, in quanto troppo impegnati a seguire le vicende statunitensi o a causa di quel razzismo da colonizzatori, mai sopito, che porta a pensare che un occidentale valga più di un arabo.

Vediamo alcuni dati: da ottobre 2015, sono 248 i Palestinesi uccisi dall’esercito israeliano in uno sfoggio di violenza bruta e eccesso di forza. Dall’inizio del 2016, le vittime sono 103. La città di Hebron è particolarmente presa di mira, con 77 morti. La maggior parte sono giovanissimi. Gli attacchi con i coltelli – solo alcuni sono veramente tali – sono il pretesto per fare scempio di vite palestinesi.

I soldati israeliani ai check-point installati nelle città palestinesi fanno tiro al bersaglio contro civili disarmati e per lo più inermi, scaricando interi caricatori su ragazzini, donne, uomini.

Il mondo tace, perché assuefatto alla violenza contro i non-occidentali, cittadini di seconda o terza categoria. Israele ha imposto le proprie menzogne, spacciate come verità assolute, e tutti, a Est come a Ovest, a Nord come a Sud, vi si inchinano ubbidienti.

Il gigante Golia è diventato uno psycho-robo-killer. La fionda di Davide è solo un simbolo di resilienza e coraggio. La Storia, quella vera, si è ribaltata.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"