PJS: “Israele imprigiona 20 giornalisti palestinesi”

Israttackljrnalist-e1463733238989Imemc. Il Sindacato dei Giornalisti Palestinesi (PJS) ha affermato che l’occupazione israeliana mantiene prigionieri 20 dei suoi giornalisti, compreso il Segretario generale, Omar Nazzal.

Mentre si congratulava con il giornalista Mohammad al-Qeeq, e la sua famiglia, che ha ottenuto la libertà con uno sciopero della fame durato 94 giorni, il PJS ha affermato che Israele sta ancora tenendo 20 giornalisti incarcerati illegalmente.

In una dichiarazione, il PJS ha anche denunciato il rapimento e l’incarcerazione del proprio Segretario generale, e la decisione israeliana di mantenerlo in prigione per quattro mesi, in base a ordini arbitrari di detenzione amministrativa, senza accuse né processi.

Ha aggiunto che continuerà il lavoro congiunto con varie istituzioni ed organizzazioni facendo pressioni su Israele per il rilascio di tutti i giornalisti, e per mettere fine alle attuali aggressioni e violazioni contro di loro.

Omar Nazzal è stato rapito dall’esercito israeliano al terminal di confine di al-Karama, mentre era diretto alla Convezione dei Giornalisti Europei, in Bosnia ed Erzegovina.

Il PJS ha affermato che il sequestro di Nazzal e degli altri giornalisti è una chiara prova che Israele prende di mira i giornalisti, violando direttamente tutte le leggi internazionali e i trattati per i diritti umani.

Traduzione di F.H.L.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"