Giovani Palestinesi d’Italia, una causa e un futuro in comune

IMG-20170308-WA0021A cura dei Giovani Palestinesi d’Italia.

Il GPI nasce come esigenza dei giovani palestinesi di riunirsi in un’entità dove si possa lavorare per la Palestina. I giovani palestinesi hanno una patria comune, una causa comune, un futuro, che sotto certi aspetti, è comune.
Siamo presenti per fare la differenza. In Italia, lo vogliamo o no, rappresentiamo la Palestina, anche se molti di noi sono nati qui o son venuti da piccoli.
Rappresentare la Palestina è una grande responsabilità, e si tratta di portare ai piani alti la nostra voce, farci sentire, essere presenti, nella società, nel mondo lavorativo, nell’ambiente accademico.
La nostra è una patria diversa da tutte le altre, una patria assediata, priva di tante libertà, ma se non fosse per la resistenza soprattutto dei giovani, forse anche quel poco di terra che ci è rimasto non ci sarebbe più.
Quindi crediamo che il nostro ruolo non sia importante, ma fondamentale per contribuire a far rialzare il nostro paese, ognuno nel proprio campo, ognuno nel proprio settore, ognuno con le proprie capacità e possibilità.
I saggi ci hanno trasmesso molto, dall’amor di patria fino al riconoscimento del diritto al ritorno. A loro dobbiamo molto e non ci dimentichiamo che loro ci stanno lasciando in mano una grande eredità, quella della causa palestinese.
A loro chiediamo sostegno nelle nostre attività, e che ci lascino spazio libero per le nostre attività fungendo però da scudo protettivo.
Noi giovani palestinesi d’Italia siamo disponibili a dialogare e a collaborare con la comunità internazionale per quanto riguarda la questione palestinese; ci auguriamo di poter essere un punto di riferimento per chiunque voglia approfondire la tematica.

IMG-20170308-WA0022

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"