92° anniversario della Dichiarazione Balfour. Il governo di Gaza: saldamente radicati ai nostri diritti.


Gaza – Infopal. Il Consiglio legislativo palestinese ha dichiarato oggi che “i legittimi diritti storici alla terra e alla patria palestinese sono inalienabili nella mente dei palestinesi e radicate nella loro coscienza e nei loro cuori. Nessuno può cancellarli”.

In una dichiarazione in occasione del 92° anniversario della “Dichiarazione Balfour” (2 novembre 1917), Ahmad Bahar, primo vice-presidente del Consiglio egislativo, ha affermato: “Il radicamento profondo al nostro diritto a resistere all'occupazione e a proteggere la nostra unità nazionale costituiscono la migliore garanzia per proteggere il nostro cammino nazionale e la nostra giusta causa dai tentativi di liquidazione da parte dell'amministrazione americana e dei suoi alleati a livello regionale e internazionale”.

E ha aggiunto che la Gran Bretagna, responsabile storica dell'attuale situazione di occupazione sionista della Palestina, deve delle “scuse” al popolo palestinese e deve fornirgli “tutto il sostegno politico ed economico necessario alla causa nazionale”.

La Dichiarazione Balfour, che invocava la “fondazione di un focolare nazionale per gli ebrei” in Palestina, rese possibile la creazione dello stato sionista sulla terra appartenente da sempre al popolo palestinese.

Bahar ha poi sottolineato: “Questo anniversario odioso fa tornare alla memoria tutte le forme di oppressione, ingiustizia e di terrorismo che il Mandato britannico e le bande sioniste hanno praticato per un lungo periodo di tempo contro il nostro popolo, prima di completare il loro cimine politico e morale offrendo la Palestina ai sionisti, e garantendo loro la protezione necessaria per dichiarare, nel 1948, la nascita del loro stato illegittimo sulla nostra benedetta terra”.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"