Colonialismo israeliano senza frontiere: ministra “indossa” Gerusalemme al Festival di Cannes

Miri-Regev-635x357Il ministro della Cultura israeliano, Miri Regev, presenzia all’apertura del Festival di Cannes indossando un abito che ritrae Gerusalemme (Muro di Buraq e Duomo della Roccia in evidenza) come forma di propaganda per celebrare i 50 anni di occupazione illegale della Città Santa, che il regime di Tel Aviv considera “riunificazione”.
E’ evidente il tentativo di far passare in tutti i modi il furto della Palestina storica come un dato di fatto.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"