Cagliari, Solidarietà ai prigionieri politici palestinesi in sciopero della fame

A cura dell’Associazione Amicizia Sardegna Palestina

Acqua, sale e dignità: Solidarietà ai prigionieri politici palestinesi in sciopero della fame dal 17 aprile 2017

L’Associazione Amicizia Sardegna Palestina invita tutte le associazioni di volontariato, i singoli individui, i sindacati, i partiti e i movimenti politici a prendere una posizione chiara a sostegno della protesta dei prigionieri politici in sciopero della fame da ormai più di un mese per chiedere un miglioramento delle condizioni detentive e un accesso regolare alle visite familiari e degli avvocati.

I 7000 prigionieri politici nelle carceri israeliane sono sottoposti a trattamenti disumani che colpiscono inoltre le loro stesse famiglie. Torture, mancanza di assistenza medica adeguata, veri e propri omicidi avvenuti subito dopo l’arresto, hanno portato a 210 il numero dei palestinesi morti nelle carceri israeliane. 600 sono i reclusi in detenzione amministrativa, cioè senza un capo d’imputazione, senza processo e senza diritto alla difesa. La detenzione amministrativa è rinnovabile ogni 6 mesi e questo sta portando alcuni a raggiungere il quarto anno di reclusione.

Le stime di Addameer, associazione palestinese non governativa che opera in difesa dei diritti dei prigionieri, parlano inoltre di circa 300 bambini reclusi.

I prigionieri politici stanno oggi rischiando la vita per chiedere:

1- la fine della politica dell’isolamento carcerario;

2- la fine della politica del fermo amministrativo;

3- migliorare le condizioni della prigionia;

4- migliorare la questione delle visite familiari;

5- l’assistenza sanitaria;

6- i trasporti;

7- l’istruzione.

Israele continua a porsi in aperta violazione dei diritti umani e non lo sta facendo neanche troppo velatamente. Non è più tempo, dunque, di adottare la strategia dei due pesi e due misure e il regime israeliano va condannato nella stessa misura in cui si condannerebbe uno stato militare d’oppressione e apartheid.

Il silenzio dei media e della politica nostrana è il primo complice delle violazioni dei diritti umani che si stanno consumando in Israele.

Non renderti complice anche tu.

Per questo invitiamo tutti al sit-in, venerdì 19 maggio, ore 18 in P.zza Yenne, Cagliari.

Associazione Amicizia Sardegna Palestina

BDS Sardegna

Hanno già aderito all’appello:

Cagliari Social Forum

Associazione Asce Cagliari

Rete Radié Resch Cagliari

USB – Unione Sindacale di Base

Claudio Chessa

Circolo Arci la Gabbianella Fortunata – Carbonia

Rete Unitaria Antifascista Sulcis-Iglesiente

Luca Pizzuto – Cosigliere Regionale ArticoloUno SDP

Roberto Loddo – Il Manifesto Sardo

Comunità Palestinese in Sardegna

ANPI Cagliari

Associazione Ponti non Muri

 

Comunica la tua adesione a:

sardegnapalestina@gmail.com

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"