Abbas: “Non passerò alla storia come colui che ha rinunciato a Gerusalemme”

Ramallah-MEMO. Sabato 1 febbraio, il presidente palestinese ha respinto il cosiddetto “piano di pace degli Stati Uniti in Medio Oriente”, affermando che la Palestina avebbe interrotto tutte le relazioni con gli Stati Uniti e Israele.

In una riunione straordinaria della Lega araba al Cairo, Mahmoud Abbas ha dichiarato: “Respingo il cosiddetto affare del secolo e non passerò alla storia come qualcuno che vende o rinuncia a Gerusalemme”.

Gli Stati Uniti “non sono più un paese amico della Palestina”, ha detto Abbas, aggiungendo: “Mi sono anche rifiutato di parlare con Trump”.

Durante il suo discorso, Abbas ha annunciato che la Palestina aveva interrotto tutte le relazioni con gli Stati Uniti e Israele, compresi i legami di sicurezza. Nel 2014, il presidente aveva descritto il coordinamento della sicurezza dell’ANP (Autorità palestinese) con Israele come “sacro”. Nel corso degli anni, tuttavia, ha ripetutamente minacciato di porre fine a questa collaborazione con Israele, solitamente quando i finanziamenti dell’ANP venivano messi a dura prova. Nonostante ciò, è rimasto fedele al suo discorso del 2014 e il coordinamento della sicurezza tra l’ANP e Israele è rimasto costante.

Ha sottolineato che ha respinto il piano in modo definitivo una volta venuto a sapere che avrebbe permesso a Israele di annettere Gerusalemme.

Abbas ha affermato che l’Organizzazione per la liberazione della Palestina (OLP) riconosce Israele dal 1988 e che, in cambio, l’ex primo ministro israeliano Yitzhak Rabin ha accettato l’OLP come legittimo rappresentante della Palestina. Tale riconoscimento ha spianato la strada agli storici accordi di Oslo del 1995, che i palestinesi hanno anche “annullato”.

Ha dichiarato che Trump non era a conoscenza dei contenuti del piano in quanto era stato suo genero e il consulente Jared Kushner a prepararlo. Questo piano inoltre consente l’immediata attuazione da parte di Israele, mentre la Palestina potrebbe esercitare i suoi diritti ai sensi dell’accordo solo quattro anni dopo.

“In precedenza avevamo accettato l’istituzione di uno stato palestinese nel 22% della terra storica della Palestina e ora chiedono il 30% di questa regione rimanente”, ha detto Abbas.

Ha osservato che, sebbene abbia incontrato Trump quattro volte e successive delegazioni statunitensi abbiano visitato la Palestina 37 volte, nessuna di queste negoziazioni ha prodotto risultati rilevanti.

Risposta della Lega araba.

I ministri degli Esteri della Lega araba si sono riuniti al Cairo e hanno dichiarato che il piano non soddisfa le aspirazioni minime dei palestinesi. Inoltre, la Lega non coopererà in nessun modo con gli Stati Uniti per attuarlo.

1 febbraio 2020, Il Cairo (Egitto). Il Segretario Generale della Lega Araba Ahmed Aboul Gheit (sx), il Comitato Esecutivo del Segretario Generale dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP), Saeb Erekat (2° sx), il Presidente palestinese, Mahmoud Abbas (C) e il Ministro degli Esteri iracheno Mohamed Ali Alhakim (2° r) prendono parte a una riunione straordinaria dei ministri degli Esteri della Lega araba sul cosiddetto “piano di pace in Medio Oriente” del presidente degli Stati Uniti Donald Trump [Thaer Ghanaim / Presidenza palestinese / Dispensa da Anadolu Agency].

I ministri hanno affermato i diritti dei palestinesi di creare uno stato futuro sulla terra sottratta e occupata da Israele nella guerra del Medio Oriente del 1967, con Gerusalemme Est come capitale, secondo il comunicato finale. I ministri degli Esteri dell’Egitto, dell’Arabia Saudita, della Giordania, di tre stretti alleati statunitensi, nonché dell’Iraq, del Libano e di altri, sono concordi sull’impossibilità di ottenere la pace senza riconoscere i diritti dei palestinesi a stabilire uno stato nei territori pre-1967.

Dopo che Trump ha svelato il suo piano, ecco che, nonostante lo storico supporto per i palestinesi, alcune potenze arabe sono apparse per stabilire le priorità di stretti legami con gli Stati Uniti e un’ostilità condivisa nei confronti dell’Iran rispetto alle tradizionali alleanze arabe. Tre stati del Golfo Arabo (Oman, Bahrain ed Emirati Arabi Uniti) hanno partecipato alla riunione della Casa Bianca in cui Trump ha annunciato il suo piano insieme a Netanyahu.

Martedì 28 gennaio Trump ha annunciato il suo cosiddetto piano per porre fine al conflitto israelo-palestinese alla Casa Bianca insieme a Netanyahu, in assenza dei funzionari palestinesi. Durante l’evento, Trump si riferiva a Gerusalemme come “la capitale indivisa di Israele”.

Il cosiddetto “Affare del secolo” annulla unilateralmente le precedenti risoluzioni delle Nazioni Unite sulla questione palestinese e suggerisce di dare a Israele quasi tutto ciò che ha richiesto. Le Nazioni Unite hanno respinto il piano di pace di Trump.

Venerdì il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, ha criticato fortemente i leader arabi e musulmani per aver accettato o essere rimasti in silenzio sulla questione dell'”Affare del secolo” degli Stati Uniti.

 Foto: Issam Rimawi/Anadolu Agency).

Traduzione per InfoPal di Rachele Manna

 

tag: , , , , , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"