Account twitter ufficiale dell’ambasciatore USA in Israele cambia momentaneamente nome in “Ambasciatore in Israele, Cisgiordania e Gaza”

Gerusalemme occupata – MEMO. L’account Twitter ufficiale dell’ambasciatore degli Stati Uniti in Israele ha avuto un breve cambio di nome, giovedì, in “Ambasciatore degli Stati Uniti in Israele, Cisgiordania e Gaza” dopo l’inaugurazione del presidente Joe Biden. Il nome dell’account è stato rapidamente cambiato di nuovo in “Ambasciatore degli Stati Uniti in Israele”.

Alla domanda se questa breve modifica suggerisse che ci si possa aspettare un cambiamento nella politica estera statunitense sotto Biden, una portavoce dell’ambasciata ha affermato: “Questo non è un cambiamento di politica o un’indicazione di un futuro cambiamento di politica. È stata una modifica involontaria”.

Nel suo primo giorno in carica, Biden ha fatto marcia indietro su una serie di politiche dell’era Trump, tra cui il controverso “divieto di viaggio per i musulmani”. Tuttavia, tutto indica che non annullerà i cambiamenti più controversi apportati dal suo predecessore, come il trasferimento dell’ambasciata degli Stati Uniti nella Gerusalemme occupata.

Biden potrebbe essere più imparziale di Trump. Si dice che il nuovo presidente riaprirà il consolato generale degli Stati Uniti nella Gerusalemme Est occupata per funzionare da “ambasciata” presso i palestinesi, ai quali restituirà anche gli aiuti statunitensi.

Le relazioni tra il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ed il presidente Biden dovrebbero essere tese, data la loro storia. Biden è stato umiliato durante un viaggio a Gerusalemme nel 2010, quando era vicepresidente di Barack Obama.

In quello che potrebbe essere un messaggio all’attuale presidente Biden, il governo israeliano ha approvato la costruzione di 2.572 nuove unità coloniali nella Gerusalemme occupata e in Cisgiordania durante la transizione di potere, avvenuta mercoledì.

Traduzione per InfoPal di F.H.L.

tag: , , , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"