Adalah: illegalità del piano israeliano di trasferimento di beduini palestinesi nei “Campi di sfollamento per rifugiati” nel deserto del Negev

Imemc. Israele sta compiendo i primi passi verso l’istituzione di campi di sfollamento per rifugiati per ospitare decine di migliaia di cittadini beduini palestinesi di Israele che prevede di dislocare “urgentemente” dalle loro abitazioni in villaggi “non riconosciuti” nella regione del Negev, senza offrire loro alcuna provvisoria o permanente soluzione abitativa, secondo quanto denunciato in un nuovo rapporto pubblicato da Adalah – il Centro per i Diritti delle minoranze arabe in Israele.

Il nuovo rapporto di Adalah, pubblicato la settimana scorsa, offre uno sguardo dettagliato ai dei piani israeliani e alle modalità in cui essi violano i diritti umani della comunità beduina.

L’obiettivo di base di Israele è trasferire i residenti di villaggi beduini palestinesi “non riconosciuti” – villaggi in cui hanno vissuto per decenni e alcuni dei quali esistono prima dell’istituzione dello Stato nel 1948 – in strutture temporanee per un periodo fino a sei anni.

I piani rappresentano un altro passo, da parte di Israele, per rimuovere con la forza e nel modo più rapido possibile, la popolazione beduina palestinese dalle sue abitazioni e terre.

Il piano israeliano di istituire campi di sfollamento per rifugiati beduini palestinesi deve essere compreso nel contesto di un annuncio del gennaio 2019, da parte dell’Autorità per i Beduini di Israele, che intendeva sfrattare 36.000 beduini a causa di “progetti di sviluppo economico” e di espansione delle aree di addestramento militare.

Questi piani, che dovrebbero interessare migliaia di famiglie, avranno conseguenze devastanti per l’intera popolazione beduina palestinese del Negev, sia nei villaggi non riconosciuti sia nelle città riconosciute dove verranno costruiti i campi profughi, secondo quanto affermato dal rapporto.

Traduzione per InfoPal di L.P.

tag: , , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"