Al-Haq: “La normalizzazione degli Emirati Arabi Uniti e del Bahrein con Israele incentiva la colonizzazione continua della Palestina”

ImemcUna lettera aperta di Shawan Jabarin, direttore generale dell’organizzazione palestinese per i diritti umani Al-Haq: la normalizzazione degli Emirati Arabi Uniti e del Bahrein con Israele incentiva la colonizzazione continua della Palestina.

La decisione degli Emirati Arabi Uniti e del Bahrein di normalizzare le relazioni con Israele mette a nudo ciò che è chiaro ai palestinesi da decenni: gli atti illegali di annessione e di apartheid da parte di Israele non scoraggeranno coloro che detengono il potere dal perseguire i propri interessi, a scapito della giustizia, della responsabilità e dei diritti umani in Palestina.

Difatti, la normalizzazione delle relazioni diplomatiche e commerciali tra Emirati Arabi Uniti, Bahrein e Israele rivela una tendenza piuttosto preoccupante e dannosa nella pratica regionale dello Stato verso l’accettazione e l’approvazione degli atti illegali di Israele contro il nostro popolo, tra cui la chiusura e la punizione collettiva della Striscia di Gaza, l’applicazione di un regime di apartheid sul popolo palestinese nel suo insieme, l’annessione della nostra terra e la cancellazione del popolo palestinese.

Il vergognoso riconoscimento degli atti illegali di Israele da parte di entrambi questi Stati deve essere contrastato collettivamente, dalla comunità internazionale e dal popolo palestinese.

Nonostante le responsabilità legali degli Emirati Arabi Uniti e del Bahrein come Stati terzi ai sensi del diritto internazionale di intraprendere azioni efficaci per opporsi all’impresa illegale del colonialismo israeliano e ad altri atti illegittimi, essi hanno invece scelto di agire in violazione di queste responsabilità e abbracciare violazioni imperdonabili del diritto internazionale e dei diritti umani in nome dell’opportunità e del guadagno geopolitico.

L’autodeterminazione palestinese non è oggetto di dibattito, né come parte di futuri negoziati tra Israele e lo Stato di Palestina, né certamente come parte di un accordo tra Israele e gli Emirati Arabi Uniti o il Bahrein, mediato dagli Stati Uniti, con voci e prospettive palestinesi intenzionalmente escluse.

In netto contrasto con il recente rifiuto totale della centralità, o addirittura della rilevanza, della Palestina per le relazioni arabo-israeliane, l’Iniziativa per la pace araba del 2002, proposta dall’Arabia Saudita e sostenuta dalla Lega Araba, ha condizionato la normalizzazione al ritiro completo delle forze di occupazione israeliane dalla Cisgiordania, compresa Gerusalemme Est e la Striscia di Gaza, il riconoscimento di uno Stato palestinese al suo interno e il permesso ai profughi palestinesi e agli esiliati di esercitare il loro diritto al ritorno.

Al contrario, Israele ha raggiunto la piena normalizzazione con gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrein essenzialmente senza precondizioni, affermando di sospendere i suoi piani di completa annessione de iure della Cisgiordania, minacciata in precedenza nel 2020 nel bel mezzo della pandemia COVID-19.

Questa presunta sospensione ha fatto poco per consolare i milioni di palestinesi che già vivono sotto l’annessione de iure a Gerusalemme Est, sotto l’annessione de facto in gran parte della Cisgiordania, poiché i rifugiati e gli esuli hanno negato il loro diritto al ritorno, o sono stati trattati come minacce demografiche e invasori all’interno dei confini di Israele. Sia che l’annessione de iure sostenuta dagli americani arrivi ora o nel 2024, i palestinesi continueranno a essere presi di mira con una forza letale, continueranno a guardare le loro case che vengono demolite, continueranno a vedersi negare il ricongiungimento con le loro famiglie, sarà negato loro il diritto di tornare alle proprie case e alle proprie terre, come anche la dignità promessa loro da un ordine internazionale basato su regole.

Il sostegno degli Emirati alla lotta contro il colonialismo israeliano, l’aggressione annessionista e l’apartheid è stato infine intimidito dal fascino della redditizia partnership tra gli Emirati Arabi Uniti e il settore privato di Israele. Le società di difesa, sicurezza informatica e di infrastrutture hanno per anni realizzato miliardi di entrate come multinazionali con sede negli Emirati in Israele e viceversa.

Secondo il Times of Israel, le esportazioni da Israele verso gli Emirati Arabi Uniti aumenteranno fino a 500 milioni di dollari all’anno, mentre gli investimenti degli Emirati in Israele potrebbero raggiungere i 350 milioni di dollari all’anno. Allo stesso modo, si sono svolti dialoghi al più alto livello politico tra i funzionari israeliani e del Bahrein. Il vantaggio economico e la “pace nella regione” costituiscono quindi la foglia di fico per l’abbandono e il tradimento del popolo palestinese offerti dai sostenitori della normalizzazione americani, emiratini e del Bahrein.

Tuttavia, una pace che non implica la realizzazione dei diritti di tutti i palestinesi sarà senza giustizia, e soprattutto non sarà affatto una pace. In mezzo alle continue violazioni dei diritti umani e alla commissione di crimini internazionali in Yemen, Siria, Egitto e Libia, sostenuta e perpetuata da un’élite al potere corrotta e dagli speculatori multinazionali, la Palestina è ancora una volta lasciata sul ciglio della strada.

È fondamentale che la comunità internazionale intervenga per esercitare pressioni sugli Emirati Arabi Uniti e il Bahrein affinché rispettino i loro obblighi di Stato terzo nei confronti della Palestina e impediscano di aiutare e favorire Israele nella sua continua violazione delle norme imperative del diritto internazionale.

È giunto il momento, per la comunità internazionale e per il popolo palestinese, di sollevarsi collettivamente e resistere a questa eclatante normalizzazione regionale, per garantire la realizzazione del nostro popolo all’autodeterminazione e alla sovranità permanente, e per prevenire misure israeliane e regionali volte alla cancellazione della nostra gente, della nostra cultura, della nostra terra e della nostra casa.

Traduzione per InfoPal di Rachele Manna

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"