Allarme sulle condizioni di salute di tre prigionieri malati di cancro

PIC. Lo scorso venerdì, l’Autorità per gli Affari dei prigionieri ed ex-prigionieri (AAPEP) ha denunciato la gravità delle condizioni di salute di tre prigionieri malati di cancro.

Qadri Abu Bakr, a capo dell’AAPEP, ritiene le autorità di occupazione israeliane pienamente responsabili della vita dei prigionieri Nidal Abu Ahour, Imad Abu Ramz e Omar Orabi, dal momento che le loro condizioni di salute si sono aggravate a causa della deliberata negligenza medica nelle prigioni israeliane.

Abu Bakr ha riferito che il detenuto Abu Ahour si trova in gravi condizioni di salute a causa di un’insufficienza renale a cui si è aggiunto, successivamente, un tumore renale come risultato della mancanza di cure mediche adeguate.

La sofferenza dei detenuti nelle carceri di occupazione aumenta con l’arrivo dell’inverno a causa della mancanza di coperte e vestiti per tutti, che non possono nemmeno essere portati da fuori, e per lo scarso riscaldamento delle stanze.

La scorsa settimana è stato reso noto che il detenuto Imad Abdel-Khaleq Abu Ramz, 46 anni, proveniente da al-Khalil/Hebron, ha un tumore ai testicoli.

Abu Ramz, detenuto dal 2004, è stato condannato a 25 anni di carcere. È attualmente detenuto nella prigione di Ofer e soffre di forti dolori a cause del tumore. È stato sottoposto a scansione tomografica circa una settimana fa per scoprire l’entità del tumore e fino ad ora non ha ancora ricevuto i risultati.

Il numero di prigionieri malati nelle carceri israeliane, che necessitano di cure urgenti, inclusi quelli affetti da tumore, è di circa 700. L’ultimo rapporto indica che il numero totale di prigionieri palestinesi nelle prigioni israeliane è 4184. Secondo i dati dell’amministrazione delle carceri israeliane, sono 2676 i prigionieri che hanno ricevuto una qualche condanna, circa un terzo sul totale dei prigionieri. Tra i condannati ci sono 58 bambini, di cui 54 tra i 16 e i 18 anni, e 4 tra i 14 e 16 anni.

La negligenza medica all’interno delle carceri di occupazione è una politica praticata sistematicamente su larga scala che ha portato alla morte di 67 prigionieri (dati del 2019).

Le cliniche mediche nelle prigioni e nelle carceri israeliane non dispongono dei servizi sanitari basici, delle attrezzature mediche, dei medicinali necessari e dei medici specializzati per curare più tipi di malattie. L’unico farmaco disponibile è l’Acamol, che viene prescritto come cura per ogni malattia.

Le amministrazioni delle carceri israeliane continuano a ritardare il trasferimento negli ospedali di casi di malati incurabili. La cosa peggiore è che i prigionieri malati o feriti vengono sempre trasferiti in auto, mezzo di trasporto del tutto antigienico, invece di essere trasportati in ambulanza. Inoltre, mani e piedi vengono spesso legati in aggiunta al trattamento brutale e crudele a cui sono sottoposti durante il processo di trasferimento.

Traduzione per InfoPal di Sara Origgio

 

tag: , , , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"