Amnesty chiede il rilascio di Ahed Tamimi

New York-PIC. Amnesty International ha chiesto alle autorità israeliane di rilasciare l’attivista palestinese  16enne Ahed Tamimi che potrebbe essere condannata fino a 10 anni di carcere per un litigio con i soldati israeliani nella Cisgiordania occupata il mese scorso.

Ahed Tamimi affronterà il tribunale militare di Ofer in Cisgiordania, accusata di aggressione aggravata e di altre 11 imputazioni dopo che un video, con il suo spintone, schiaffi e calci a due soldati israeliani nel suo villaggio natale di Nabi Saleh il 15 dicembre, è diventato virale su Facebook.

“Nulla di ciò che Ahed Tamimi ha fatto può giustificare la detenzione prolungata di una ragazza di 16 anni. Le autorità israeliane devono rilasciarla senza indugio. Riprendendo l’assalto di una ragazza disarmata a due soldati armati che indossano giubbotti protettivi, il filmato di questo fatto dimostra che non ha rappresentato alcuna minaccia reale e che la sua punizione è clamorosamente sproporzionata”, ha detto Magdalena Mughrabi, vice-direttore per il Medio Oriente e il Nord Africa a Amnesty International.

“Il conseguente arresto e il processo militare di Ahed Tamimi rivela il trattamento discriminatorio delle autorità israeliane nei confronti dei bambini palestinesi che osano opporsi alle continue e spesso brutali repressioni da parte delle forze di occupazione”.

Ahed Tamimi è stata arrestata il 19 dicembre insieme a sua madre, Nariman Tamimi, e alla cugina Nour Tamimi dopo che Nariman, anche lei attivista di spicco, ha postato il filmato online. Ahed ha affrontato i soldati durante una manifestazione a Nabi Saleh contro la recente decisione del presidente americano Donald Trump di riconoscere Gerusalemme come capitale d’Israele.

Il 1° gennaio, Ahed e Nariman sono state accusate di aggressione aggravata ai soldati e di aver impedito loro di svolgere i loro compiti.

Ahed ora deve affrontare ben 12  imputazioni, tra cui anche l’incitamento sui social e reati relativi a cinque altri litigi con i soldati israeliani negli ultimi due anni.

Ai sensi della Convenzione sui Diritti dell’Infanzia, di cui Israele è stato parte, l’arresto, la detenzione o l’imprigionamento di un minore devono essere utilizzati solo come ultima risorsa e per il periodo di tempo più breve possibile.

“Israele sta chiaramente, sfacciatamente sfuggendo ai suoi obblighi derivanti dal diritto internazionale per proteggere i bambini da pene criminali eccessivamente severe”, ha detto Magdalena Mughrabi.

“Sarebbe un’ingiustificabile parodia della giustizia se l’atto di sfida di Ahed Tamini contro l’implacabile oppressione le portasse una lunga pena detentiva dopo un processo in un tribunale militare che non garantisce i giusti standard di un processo equo”.

Secondo la Defense for Children Palestine (DCI), circa 500-700 minori palestinesi provenienti dalla Cisgiordania occupata sono perseguiti ogni anno da tribunali militari giovanili israeliani agli ordini militari israeliani.

Traduzione di Edy Meroli

tag: , , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"