Appello umano a tutte le madri del Mondo.

 

Riceviamo e pubblichiamo.

Care tutte e tutti,

 

 nell’ultimo viaggio in Palestina ed Israele, dal 19 al 26 marzo,  dove ho accompagnato 40 persone in un viaggio di conoscenza e solidarietà, ho incontrato la mamma e la famiglia del prigioniero palestinese Saed Atabeh.

 

Potete immaginare la commozione e l’indignazione che ho provato. Qui sotto trovate l’appello che lei ha voluto fare e le informazioni sul caso.

 

Penso che sarebbe bello fare arrivare messaggi alla mamma ed anche a Saed nella prigione di Askelon.

 

Potreste anche inviare lettere con la richiesta della sua liberazione  al primo Ministro Olmert e al Ministro della Giustizia Daniel Friedmann.

 

Un abbraccio,

Luisa Morgantini

 

 

– Indirizzi ai quali inviare solidarietà:

 

  • A Saed Wajih Saed Atabeh c/o Ashkelon Prison, P.O. Box 17, Ashkelon, Israel.

 

  • A Widad Naief Mohammad Atabeh, madre di Saed Atabeh,  inviando una mail alla sorella di Saed,

           Sana Atabeh sana.atabeh@hotmail.com 

 

 

– Indirizzi ai quali inviare lettere per chiedere la liberazione di Saed:

 

 Mr. Daniel Friedmann, Minister of Justice, Ministry of Justice, 29 Salah al-Din Street, Jerusalem 91010, Israel. Fax: + 972 2 628 7757 / + 972 2 628 8618 / + 972 2 530 3367. Email: sar@justice.gov.il; tifereth@justice.gov.il;  

 

Appello umano a tutte le madri del Mondo.

 

Da Widad Naief Mohammad Atabeh, madre di Saed Wajih Saed Atabeh, il prigioniero palestinese da più tempo nelle carceri israeliane, è stato arrestato  il 29 Luglio 1977

 

Sono la madre del prigioniero Saed Al Atabeh della città di Nablus/Palestina. Mio figlio è stato arrestato il 29 luglio 1977, e fino ad oggi si trova ancora nella prigione israeliana ad Ashkalon.

Ora ho 78 anni. Soffro di ipertensione e diabete e sto perdendo la vista.

Non riesco più neanche a camminare dentro la mia casa.

Ciò che spero come madre è di incontrare mio figlio e dargli un caldo abbraccio prima che io muoia.

Forse vi stupirete ad ascoltare queste parole, ma è il mio unico desiderio in questa vita.

Tutti i miei figli, ragazzi e ragazze, ora sono cresciuti, si sono sposati e hanno lasciato la mia casa dove oggi vivo da sola.

Negli ultimi anni non ho potuto vedere mio figlio anche a causa della mia malattia e della vecchiaia, ma è importante sapere che le Autorità israeliane mi hanno impedito di visitare Saed per motivi di sicurezza.

Anche i fratelli e le sorelle di mio figlio sono stati privati del diritto di visitarlo per le stesse ragioni.

dovete sapere che durante gli ultimi otto anni e dopo 29 anni di detenzione, ho potuto visitarlo solo una volta trasportata  da un’ambulanza israeliana e in cooperazione con la Croce Rossa Internazionale.

E questa è stata la prima e ultima volta  in cui ho potuto abbracciare il mio amato figlio Saed.

Mi ha stretta e mi ha detto ch
e è come se nascesse ancora una volta a questa vita. Quei minuti per me e lui sono stati i più belli, ma l’attimo in cui ci siamo separati l’uno dall’atra è stato il più duro e doloroso, per me e per lui.

Care madri del mondo,

Yegal Amir (l’omicida del Primo Ministro Rabin) riceve visite regolari da parte della sua famiglia, questa persona, che ha ucciso Rabin perché ha firmato un trattato di pace con i Palestinesi, ha avuto il diritto di sposarsi e di avere un figlio mentre era in prigione.   

Come madre, mi chiedo dove sia la giustizia. 

Il padre di Saed è morto venti anni fa mentre aspettava di fronte ai cancelli di una delle carceri israeliane di essere registrato per poter visitare suo figlio.  

Ha avuto un attacco di cuore ed è morto il giorno seguente.

Saed, mio figlio, è un sostenitore e un costruttore di pace anche dentro la sua prigione.

E’ stato molto coraggioso ad affermare chiaramente che è attraverso la pace e solo una giusta pace che i due popoli, i Palestinesi e gli Israeliani, possono superare il loro conflitto senza fine.

Saed nel momento in cui scrivo questa lettera ha concluso i suoi 32 anni in prigione e ora ha 57 anni. Non gli hanno lasciato nulla neanche per costruire una famiglia e per avere figli, nulla  da trasmettere loro, nulla delle sue aspettative di pace e dei suoi sogni.   

Saed ha il diritto di essere libero come ogni essere umano.

Nelson Mandela ha combattuto contro il regime razzista in Sud Africa, ma quando è stato liberato, ha dedicato il resto della sua vita ad opere di pace e ha contribuito alla risoluzione del suo conflitto. 

Mio figlio è chiamato in Palestina come il Mandela della Palestina. Rilasciandolo dalla prigione si darà un grande contributo per la pace in questa regione. 

Alla fine, spero che questo appello trovi la via dei vostri cuori e riesca a fare pressioni sul governo israeliano perché mi aiuti a rivedere mio figlio prima che lascerò questo mondo…

 

Widad Naief Mohammad Atabeh, madre di Saed Atabeh

 

Nablus, 31 Marzo 2008

 

 

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"