Ash-Sharawnah al 107° giorno di sciopero della fame e minaccia di iniziare quello della sete

Ramallah-InfoPal. Un’organizzazione palestinese per i diritti ha reso noto che Ayman ash-Sharawnah, in sciopero della fame da 107 giorni,“è in una condizione molto difficile, e la salute è in continuo peggioramento”.

L’organizzazione palestinese, Società dei prigionieri, ha spiegato che ash-Sharawnah ha smesso di assumere le vitamine e si rifiuta di sottoporsi qualsiasi esame medico. Inoltre egli minaccia di “alzare il livello della sua protesta, interrompendo perfino l’assunzione di acqua e zucchero, in quanto le sue richieste sono state rimandate e mai accolte”. 

In un comunicato stampa, la Società dei prigionieri ha affermato che il detenuto soffre di dolori alla schiena e allo stomaco, e vomita sangue continuamente, inoltre egli soffre di problemi alla vista e alla concentrazione. L’organizzazione  ha riferito che la clinica della prigione di Ramle le ha confermato la pericolosità della situazione del detenuto, sottolineando il continuo deterioramento della sua salute. 

Nello stesso contesto, le autorità di occupazione si sono rifiutate di rilasciare il detenuto palestinese, Ashraf Abu Zuraii’, disabile e costretto su una sedia a rotelle. 

La Società dei prigionieri ha riferito di aver presentato una richiesta di rilascio, per motivi di salute, a nome di Abu Zuraii’, che soffre di atrofia agli arti ed è costretto alla sedia a rotelle. Tuttavia, e dopo quattro mesi d’attesa, il consulente legale dell’esercito israeliano l’ha respinta. 

“Dopo tanti indugi abbiamo ricevuto la risposta negativa da parte del consulente legale, con la motivazione che la condizione del detenuto non gli permette di far parte di coloro che necessitano un rilascio immediato, perciò egli dovrebbe scontare la sua condanna, che termina fra un mese, per intera”, ha aggiunto la Società dei prigionieri.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"