Avvocato: i bambini palestinesi subiscono torture nelle carceri israeliane

460_0___10000000_0_0_0_0_0_cryingchildkidnappedRamallah-Ma’an. I bambini palestinesi vengono picchiati e torturati in modo “atroce” dai soldati israeliani durante gli interrogatori, ha riferito un avvocato dell’Autorità Palestinese.

Hiba Masalha, un avvocato che lavora per il comitato dell’Anp per le problematiche relative ai prigionieri, ha dichiarato che i detenuti adolescenti vengono “terrorizzati, minacciati e ricattati” contravvenendo quindi il diritto internazionale e le convenzioni che sostengono i diritti dei bambini.

Masalha ha riferito di aver visitato la Sezione 3 del carcere di Megiddo nel quale 68 adolescenti palestinesi vengono attualmente trattenuti.

La maggior parte dei detenuti che lei ha incontrato sono stati arrestati in un orfanotrofio di Tulkarem, città settentrionale della Cisgiordania.

Mahir Hussein, 17 anni, studente di Qalqiliya nel nord della Cisgiordania, le ha riferito che i soldati israeliani hanno sparato colpi in aria per minacciare lui ed altri due ragazzi quando sono stati arrestati.

Masalha ha riportato inoltre che i militari israeliani hanno minacciato di ucciderlo davanti a due soldati che lo stavano picchiando “violentemente”.

Secondo le testimonianze, è stato lasciato sanguinante per sei ore con le mani ed i piedi legati. Il ragazzo ha riferito che in seguito è stato portato nell’ospedale di una base militare, a Petah Tiqva, dove i medici hanno dovuto fare “24 punti di sutura” per chiudere la ferita che aveva in testa.

Il giorno seguente è stato riportato al centro per gli interrogatori di al-Jalama, nel quale è stato per un periodo di 20 giorni durante i quali è stato picchiato e quasi sempre relegato su una sedia di legno con mani e piedi legati, ha inoltre riferito Masalha.

Masalha ha incontrato anche il diciassettenne Wasim Taj di Tubas, che era stato rinchiuso assieme a Mahir Hussein.

Ha parlato a proposito dei “brutali” interrogatori che ha subito durante i 20 giorni che ha trascorso ad al-Jalama.

Un altro detenuto, Ibrahim Salmi, 17 anni, ha riportato a Masalha di essere stato interrogato nel centro di al-Jalama per 15 giorni in condizioni terribili.

I resoconti di Masalha escono una settimana dopo che il direttore del comitato dei prigionieri, Issa Qarage, ha dichiarato che gli israeliani che svolgono gli interrogatori utilizzano metodi “oppressivi e brutali” per intimorire i detenuti palestinesi e per obbligarli a confessare attacchi contro Israele.

Il gruppo per i diritti dei prigionieri Addameer ha da tempo segnalato che il trattamento dei detenuti palestinesi da parte delle forze israeliane equivale alla tortura, descrivendolo come “diffuso e sistematico”.

Nel 2014 il gruppo internazionale per i diritti Defense for Children ha riportato che al 93 percento dei bambini arrestati dalle forze israeliane è stato negato l’accesso al consulente legale, mentre altri hanno subito periodi prolungati di isolamento a fini di interrogatorio, una pratica anche questa che equivale a tortura secondo il diritto internazionale.

Al 31 di marzo, vi erano 182 bambini palestinesi nelle carceri israeliane, compresi 26 sotto l’età di 16 anni.

Traduzione di Aisha Tiziana Bravi

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"