Bambini e adolescenti nel mirino d’Israele: condanne per lanci di pietre

MEMO. Un palestinese di 15 anni è stato condannato a quattro mesi di prigione e multato per 3.000 shekel ($ 830) per il lancio di pietre.

Il tribunale militare di Salem, nel nord della Cisgiordania occupata, ha emesso il verdetto contro Abdul-Jaber Yasin, arrestato il 3 maggio ad Asira al-Qibliya.

I bambini palestinesi sono soggetti a un diverso insieme di regole rispetto a quelli israeliani nel sistema giudiziario israeliano: periodi di detenzione più lunghi senza accusa, un’età minima inferiore per le pene detentive e una mancanza di permessi di visite ai loro genitori o rappresentanti legali.

Di recente, un adolescente israeliano di 16 anni, condannato per aver ucciso la madre palestinese Aisha Al-Rabi, è stato rilasciato agli arresti domiciliari, evitando una pena detentiva di 20 anni. Il colone adolescente – che non può essere nominato a causa di un ordine “bavaglio” imposto dal tribunale – è stato accusato a gennaio di omicidio colposo, lancio di pietre e sabotaggio intenzionale di un veicolo “nel contesto di un atto terroristico”.

Nel frattempo, lanciare sassi è l’accusa più comune contro i bambini palestinesi e comporta una pena massima che varia da dieci a venti anni.

Secondo B’Tselem, “dall’inizio del 2005 alla fine del 2010, almeno 835 minori palestinesi sono stati arrestati e processati in tribunali militari in Cisgiordania con l’accusa di lancio di pietre”. Inoltre, a fine di aprile 2019, 205 minori palestinesi erano detenuti nelle carceri israeliane, compresi 2 amministrativi.

La Difesa per l’infanzia internazionale (DCI) – Palestina ha dichiarato che “ogni anno circa 500-700 bambini palestinesi, alcuni di 12 anni, sono detenuti e perseguiti nel sistema giudiziario militare israeliano. L’accusa più comune è il lancio di pietre”.

tag: , , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"