Campagne di incursioni e arresti delle IOF in Cisgiordania e Gerusalemme

PIC, Quds Press e Wafa. Nella notte tra domenica e lunedì, le forze di occupazione israeliane (IOF) hanno preso d’assalto varie zone della Cisgiordania e di Gerusalemme. Diversi palestinesi sono stati arrestati.

Gerusalemme. Fonti locali hanno riferito che decine di poliziotti israeliani hanno condotto un addestramento militare alla periferia di al-Issawiya, nella Gerusalemme occupata, prima di dirigersi al campo militare a ovest della città. Hanno anche preso d’assalto la Città Vecchia e condotto addestramento nella zona.

Dopo che la polizia israeliana ha invaso al-Issawiya sono scoppiati scontri, durante i quali le IOF hanno sparato lacrimogeni, soffocando molti palestinesi, che sono stati soccorsi sul campo.

La polizia israeliana ha chiuso gli ingressi del quartiere di Al-Sawana, in mezzo a un ampio dispiegamento di forze.

Ha arrestato Obadah Nidal Dandis, 25 anni, nel quartiere di Wadi Qaddum, a Silwan. Mahmoud al-Salaymeh e un’altra ragazza sono stati arrestati mentre attraversavano il checkpoint di Qalandia, a nord di Gerusalemme. La polizia israeliana ha chiuso il checkpoint causando un ingorgo.

Testimoni hanno affermato che la polizia israeliana ha sparato in aria e ha arrestato una ragazza che aveva cercato di entrare a piedi nel passaggio delle auto al checkpoint di Qalandia.

Nella città di Anata, le IOF hanno arrestato Musa Jamal Salama dopo aver fatto irruzione nella sua casa.

A Ramallah, veicoli dell’esercito israeliano hanno preso d’assalto la città di Kober e hanno circondato diverse case, tra cui quella di Yahya Al-Barghouti e Mu’taz Zebar, che sono stati poi arrestati.

Fonti locali hanno sottolineato che l’arresto di Moataz Zebar è avvenuto due giorni dopo il suo matrimonio. Le IOF hanno cercato di arrestarlo alcuni giorni fa sostenendo che era ricercato insieme a suo zio Raed Zebar con l’accusa di aver in programma attacchi di resistenza.

I soldati hanno anche fatto irruzione nella città orientale di Nazlet Bani Zaid e nelle fattorie Nubani e si sono fermati in diverse strade.

A Tulkarem, fonti locali hanno riferito che le IOF hanno inseguito, dall’alba di lunedì, i lavoratori palestinesi diretti ai loro posti di lavoro in Israele, attraverso i varchi nel muro dell’apartheid.

Avichai Adrai, il portavoce delle IOF, ha detto che questa settimana l’esercito chiuderà i varchi, che dispiegherà rinforzi militari, impedirà ai palestinesi di entrare in Israele e arresterà chiunque li attraversi e imporrà loro multe.

I soldati continuano le loro campagne quotidiane di arresti.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"