Archivio Categoria: Genocidio, apartheid e pulizia etnica

La pulizia etnica della Palestina: Israele demolisce al-Arakib per la 121ª volta

La pulizia etnica della Palestina: Israele demolisce al-Arakib per la 121ª volta

Imemc, Ma’an e MEMO. Giovedì, l’esercito israeliano ha demolito il villaggio beduino di al-Arakib, nel deserto del Negev, per la 121ª volta, trasformando in senzatetto tutte le famiglie residenti. Il villaggio è già stato demolito 121 volte, l’ultima era stata effettuata il 25 ottobre. Il villaggio è stato sottoposto a continue invasioni e demolizioni; i suoi abitanti hanno proprietà fondiaria … Continua a leggere

Due scuole finanziate dall’Europa a rischio di demolizione

Due scuole finanziate dall’Europa a rischio di demolizione

PIC. Altre due scuole palestinesi finanziate dall’Unione Europea in Cisgiordania sono minacciate di demolizione e sequestro da parte dell’autorità di occupazione israeliana. Le scuole di Wadi as-Siq e al-Muntar sono state costruite l’anno scorso con finanziamenti dei donatori europei come parte degli aiuti umanitari alle comunità palestinesi beduine prive di servizi di base. Le scuole servono i bambini delle comunità di … Continua a leggere

La WZO assegna terreni privati palestinesi a colonie

La WZO assegna terreni privati palestinesi a colonie

MEMO. L’Organizzazione Mondiale Sionista (WZO) ha consegnato terreni privati palestinesi nella Cisgiordania occupata ad una colonia non autorizzata, secondo quanto riportato lunedì da Haaretz. Il WZO ha consegnato 12,5 ettari di terreno a Ma’aleh Rehavam, una colonia a sud di Betlemme, nonostante non avesse alcuna autorità per farlo.   La Divisione per le colonie del WZO è “un’entità quasi-privata”, riferisce … Continua a leggere

La vergogna del Muro dell’Apartheid e il furto di terre e vita palestinese

La vergogna del Muro dell’Apartheid e il furto di terre e vita palestinese

Megachip. A cura di Cecilia Della Negra. La creatura partorita dall’occupazione sionista, il muro divisorio iniziato come costruzione nel 2002 nei territori della Cisgiordania, è stata oggetto di un pronunciamento della Corte Internazionale di Giustizia (in merito alle conseguenze legali della sua costruzione) che lo ha dichiarato illegale ai sensi del diritto internazionale. Quel pronunciamento è datato 9 luglio 2004. … Continua a leggere

La Pax israeliana: il 68% vuole il controllo totale su Al-Aqsa e il resto della Palestina

La Pax israeliana: il 68% vuole il controllo totale su Al-Aqsa e il resto della Palestina

MEMO. Circa il 68% degli ebrei israeliani ritiene che la situazione attuale della Moschea di Al-Aqsa andrebbe trasformata in modo da permettere di eseguire i loro rituali nel luogo sacro islamico, secondo quanto indicato da un sondaggio, condotto per il think tank di destra, dal Jerusalem Institute for Strategic Studies (JISS). Inoltre, quasi i tre quarti (il 72%) credono che Israele … Continua a leggere

Membro del Knesset: lo svantaggio dei Palestinesi è di “non essere nati ebrei”.

Membro del Knesset: lo svantaggio dei Palestinesi è di “non essere nati ebrei”.

MEMO. Un parlamentare israeliano ha espresso il suo supporto per l’apartheid formale, sostenendo l’annessione dell’intera Cisgiordania ma senza che ai suoi abitanti palestinesi venga concesso il diritto di voto. Il membro del Knesset Miki Zohar, presidente della commissione speciale del Knesset per la giustizia distributiva e l’eguaglianza sociale, ha espresso il suo punto di vista in un’intervista per il giornale … Continua a leggere

Il governo israeliano approverà la costruzione di 700 unità coloniali a Gerusalemme

Il governo israeliano approverà la costruzione di 700 unità coloniali a Gerusalemme

Gerusalemme-Quds Press. Media israeliani hanno rivelato giovedì che il governo di occupazione ha in programma di approvare una serie di progetti per la costruzione di centinaia di unità coloniali a Gerusalemme Est, che erano stati congelati per due anni a causa delle pressioni statunitensi. Il quotidiano israeliano HaYom ha riportato sul suo sito web che il comitato di pianificazione e … Continua a leggere

Il giovane prigioniero Anas Hamarsheh: salute e futuro a rischio

Il giovane prigioniero Anas Hamarsheh: salute e futuro a rischio

Jenin-PIC. La famiglia di Adnan Hamarsheh, proveniente dalla città di Yabad, a sud di Jenin, ha subito più di 17 arresti, che hanno coinvolto padre, madre e figli, da parte delle forze di occupazione israeliane. L’occupazione israeliana ha continuato l’aggressione contro la famiglia, arrestando il figlio più giovane, Anas Hamarsheh, 17 anni, che soffre di una malattia grave: l’osteonecrosi, che … Continua a leggere

OCHA: a Hebron apartheid israeliano senza precedenti

OCHA: a Hebron apartheid israeliano senza precedenti

Hebron-Palestinechronicle.com. Le autorità di occupazione israeliana hanno intensificato le restrizioni imposte ai cittadini palestinesi residenti a Hebron, secondo un aggiornamento dell’OCHA. Una nuova barriera istallata dalle forze di occupazione israeliane intorno ai due quartieri palestinesi nella cosiddetta zona della città “H2”, As-Salaymeh e Gheith, ha ulteriormente separato almeno 1.800 Palestinesi dal resto della città. Secondo l’OCHA, quest’ultima misura “si aggiunge … Continua a leggere

Gruppo islamo-cristiano: scavi e distruzione intorno ad al-Aqsa

Gruppo islamo-cristiano: scavi e distruzione intorno ad al-Aqsa

Gerusalemme-PIC e Quds Press. Il segretario-generale della commissione Islamo-cristiana per il sostegno a Gerusalemme e ai luoghi sacri, Hanna Issa, ha lanciato l’allarme sui danni causati dagli scavi israeliani a Gerusalemme, specialmente nel complesso della moschea di al-Aqsa.  “Gli scavi sotteranei israeliani nella Città Vecchia si sono spostati anche verso la moschea di al-Aqsa -, ha affermato Hanna-. L’obiettivo finale … Continua a leggere