Archivio Categoria: Genocidio a Gaza

L’ospedale al-Nasser, un tragico esempio della situazione sanitaria a Gaza

L’ospedale al-Nasser, un tragico esempio della situazione sanitaria a Gaza

Gaza-PIC. Quando si parla della crisi sanitaria nella Striscia di Gaza sotto assedio, l’ospedale al-Nasser è un tipico esempio delle gravi difficoltà che il settore e i suoi ospedali soffrono a causa del blocco israeliano e delle sanzioni imposte dall’Autorità Palestinese. Alcune di queste difficoltà che l’ospedale al-Nasser sta affrontando e che minacciano di chiuderlo, includono la sua incapacità di … Continua a leggere

Striscia di Gaza, dall’inizio dell’anno, 6 neonati prematuri deceduti per mancanza di farmaci

Striscia di Gaza, dall’inizio dell’anno, 6 neonati prematuri deceduti per mancanza di farmaci

Gaza. La commissione nazionale anti-assedio e ricostruzione di Gaza ha dichiarato che sei neonati prematuri sono morti dall’inizio dell’anno in corso, a causa della mancanza di un farmaco respiratorio salvavita, il Calfactant, che li avrebbe aiutati a respirare normalmente. In una dichiarazione rilasciata giovedì, la commissione ha reso noto che il 10% degli 87 neonati prematuri ricoverati presso l’unità di maternità dell’ospedale … Continua a leggere

Striscia di Gaza, collasso sanitario ed economico: manifestazioni e appelli

Striscia di Gaza, collasso sanitario ed economico: manifestazioni e appelli

Gaza-PIC. Mercoledì, il Movimento al-Ahrar ha organizzato un sit-in sul lato palestinese di Beit Hanun (Erez), nella Striscia di Gaza assediata, per protestare contro il deterioramento della situazione sanitaria ed economica. Decine di sostenitori e membri di al-Ahrar, dignitari e funzionari del ministero degli Affari religiosi hanno partecipato al sit-in. “Siamo venuti oggi alla traversata di Beit Hanun per lanciare … Continua a leggere

Per non dimenticare Piombo Fuso, dicembre 2008-gennaio 2009

Per non dimenticare Piombo Fuso, dicembre 2008-gennaio 2009

A cura dei Giovani Palestinesi d’Italia. Per non dimenticare “Piombo Fuso”, 27/12/2008-27/12/2016. Otto anni fa,  l’esercito sionista diede il via all’operazione Piombo Fuso (Cast Lead) contro la Striscia di Gaza, che durò 21 giorni. L’operazione provocò circa 1440 vittime e 5450 feriti. Vennero bombardate 67 scuole, 37 tra ospedali e cliniche e 27 moschee. Articoli di archivio qui.

Striscia di Gaza, venerdì di sangue: 100 morti. Il totale sale a 1600. Quasi 9000 i feriti

Striscia di Gaza, venerdì di sangue: 100 morti. Il totale sale a 1600. Quasi 9000 i feriti

Gaza. La giornata di venerdì è stata un’altra contrassegnata da massacri, in quanto l’aviazione e l’artiglieria israeliane hanno bombardato intensamente e ampliato gli assalti in tutta la Striscia di Gaza, portando il totale dei morti a 100. Un attacco aereo ha preso di mira un’ambulanza e ha ucciso un paramedico – il 16° dall’inizio della mattanza israeliana -, Atef Zamili, … Continua a leggere

Il cessate il fuoco è terminato prima di iniziare: Israele uccide 73 palestinesi. Scontri con la resistenza

Il cessate il fuoco è terminato prima di iniziare: Israele uccide 73 palestinesi. Scontri con la resistenza

Gaza-Maan e Quds Press. La tregua che avrebbe dovuto durate 72 ore, è finita prima di cominciare, venerdì mattina 1° agosto, a seguito dei bombardamenti israeliani in tutte le aree della Striscia. Nella prima mattina, Israele ha ucciso tre palestinesi, e ha poi proseguito con attacchi dell’artiglieria e dell’aviazione contro Rafah, nel sud della Striscia, uccidendo altri 70 cittadini, secondo … Continua a leggere

Israele viola la tregua e uccide 3 palestinesi. Altri 16 uccisi nella notte. Bilancio totale: 1461 morti e 8400 feriti

Israele viola la tregua e uccide 3 palestinesi. Altri 16 uccisi nella notte. Bilancio totale: 1461 morti e 8400 feriti

Gaza. Come consueto, Israele ha violato anche il cessate-il-fuoco annunciato ieri dal Segretario di Stato Usa, quanto la sua artiglieria ha ucciso tre palestinesi nel nord della Striscia, venerdì mattina 1° agosto. La tregua era entrata in vigore solo da poche ore. Dalla mezzanotte e nelle ore precedenti, pesanti bombardamenti contro varie aree della Striscia avevano ucciso 16 palestinesi. Il bilancio … Continua a leggere

“Piombo Fuso”, cinque anni fa. Restiamo Umani

“Piombo Fuso”, cinque anni fa. Restiamo Umani

Cinque anni fa, il 27 dicembre del 2008, prendeva il via l’operazione militare israeliana “Piombo Fuso” contro la popolazione della Striscia di Gaza. Il bilancio del massacro-genocidio fu di 1500 morti, molti dei quali bambini, e di circa 5000 feriti, e una vasta distruzione. Vogliamo ricordare quell’ennesimo crimine impunito di Israele attraverso le pagine del libro-diario del giornalista e volontario … Continua a leggere

Unrwa: i traumi psicologici sono “raddoppiati” dopo la guerra israeliana contro Gaza

Unrwa: i traumi psicologici sono “raddoppiati” dopo la guerra israeliana contro Gaza

Betlemme – Ma’an. L’agenzia dell’Onu per i rifugiati palestinesi ha affermato che l’incidenza dei traumi psicologici e gli stress post traumatici sono più che raddoppiati a Gaza dopo la guerra israeliana di novembre. L’agenzia ha detto che dal bombardamento israeliano di otto giorni, che si è concluso il 21 di novembre 2012, il 42% dei pazienti curati dall’Unrwa è al … Continua a leggere

Prosegue il massacro israeliano contro la famiglia Samuni

Prosegue il massacro israeliano contro la famiglia Samuni

Ginevra. L’Osservatorio Euro-Mediterraneo per i Diritti Umani ha messo in guardia contro un nuovo crimine israeliano, commesso ai danni della famiglia Samuni di Gaza: dopo l’eccidio di 21 membri della famiglia, nell’operazione Piombo Fuso, le autorità israeliane continuano a negare ai sopravvissuti la possibilità di ricevere i trattamenti. In una dichiarazione rilasciata venerdì 18 gennaio, l’osservatorio ha reso noto che … Continua a leggere