Cecchini israeliani si vantano di aver colpito decine di palestinesi alle ginocchia

Gaza – MEMO. I cecchini israeliani che hanno partecipato alla repressione condannata a livello internazionale dei manifestanti palestinesi nella Striscia di Gaza si sono vantati delle loro azioni durante interviste rilasciate a Haaretz.

“Ho tenuto il bossolo di ogni colpo che ho sparato”, ha detto un ex-cecchino della brigata di fanteria Golani. “Li ho nella mia stanza. Quindi non devo fare una stima – lo so: 52 colpi andati a segno”.

Alla domanda su come sia la situazione comparata con altri del suo battaglione, Eden (nome fittizio) ha risposto: “Dal punto di vista dei tiri andati a segno, ho il massimo. Nel mio battaglione direbbero: ‘Guarda, ecco che arriva l’assassino'”.

“Devi capire che prima di presentarci, i colpi alle ginocchia erano la cosa più difficile da accumulare. C’era una storia su un cecchino che aveva colpito 11 ginocchia e la gente pensava che nessuno potesse superarlo. E poi ho colpito sette-otto ginocchia in un giorno. Nel giro di poche ore, ho quasi battuto il suo record”.

Secondo Haaretz, delle decine di cecchini avvicinati dal giornale, sei – tutti ora dimessi dall’esercito – hanno accettato di essere intervistati.

Eden si vantava di battere il “record del ginocchio” durante la manifestazione del 14 maggio 2018.

“In quel giorno, la nostra coppia ha avuto il maggior numero di colpi [andanti a segno], 42 in tutto. Il mio localizzatore non avrebbe dovuto sparare, ma gli ho dato una pausa, perché ci stavamo avvicinando alla fine del nostro turno, e non aveva [ancora compito] le ginocchia”, ha dichiarato a Haaretz.

“Alla fine vuoi partire con la sensazione di aver fatto qualcosa, di non essere stato un cecchino solo durante gli esercizi. Quindi, dopo aver messo a segno qualche colpo, gli ho suggerito di cambiare. Si è fatto circa 28 ginocchia lì, direi”.

Durante le proteste della Grande Marcia del Ritorno, le forze armate israeliane hanno autorizzato i cecchini a colpire i cosiddetti “principali incitatori”, una categoria che, come Haaretz ha fatto notare, è definita da criteri “piuttosto vaghi”.

Un comandante della squadra di cecchini Golani ha affermato: “Non è così complicato capire chi sta organizzando e incitando [gli altri manifestanti]. Lo identifichi, ad esempio, per il fatto che ti dà le spalle e si trova di fronte alla folla. In molti casi, ha anche in mano un megafono”.

I cecchini citati nel documento spiegavano come funzionava la catena di comando durante le proteste. “Per ogni cecchino c’era un comandante a livello junior [un non-com], come me, e anche un comandante senior – un comandante di compagnia o un vice-comandante di compagnia”, ha affermato “Amir”.

“L’ufficiale superiore richiede l’autorizzazione a sparare dal comandante della brigata del settore. Si mette alla radio e gli chiede: “Posso aggiungere un altro ginocchio per questo pomeriggio?”.

Un altro cecchino, “Daniel”, ha affermato che le procedure erano più flessibili nella pratica. “In generale, dovevi richiedere l’autorizzazione per sparare al tuo ufficiale superiore, il quale richiedeva l’autorizzazione al comandante della compagnia o al comandante del battaglione.

“Se funzionasse come dovrebbe, potrebbero essere necessari meno di 10 secondi. I comandanti non erano particolarmente avari nel rilasciare le autorizzazioni per sparare. Si fidavano quando affermavamo di aver identificato un obiettivo giustificabile”.

Traduzione per InfoPal di F.H.L.

tag: , , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"