Centinaia di palestinesi in transito dal valico di Rafah

Il Cairo – Wafa'. Ieri, 6 luglio, i responsabili del governatorato del Sinai del nord e quelli della Mezzaluna Rossa Egiziana hanno reso noti i dati relativi al passaggio di palestinesi dalla Striscia di Gaza verso l'Egitto e viceversa.

Nel dettaglio, 528 sono i palestinesi che ieri hanno fatto rientro a Gaza dopo aver ricevuto cure ed assistenza sanitaria in Egitto; oppure si tratta di coloro che risiedono all'estero per lavoro o studio.

347 sono invece i palestinesi che hanno potuto lasciare la Striscia di Gaza assediata, per le stesse motivazioni.

 I dati riguardano in maggioranza casi umanitari.

Si evidenzia che sin dal giorno successivo all'assalto israeliano in acque internazionali contro il convoglio umanitario Gaza Freedom Flotilla, le autorità egiziane avevano deciso di lasciare aperto ad oltranza il valico con la Striscia di Gaza.

Dal 1° giugno 2010 si parla di 11.190 palestinesi che hanno potuto raggiungere l'Egitto e 11.430 Gaza.

115 tonnellate di generi alimentari sono state introdotte a Gaza attraverso al-'Awje, un altro passaggio via terra che attraversa il Sinai centrale.

Per rendere possibile spostamenti di persone e beni è stato necessario il coordinamento tra l'Urnrwa e la Mezzaluna Rossa Egiziana e Palestinese.

Ra'ed Fattuh, presidente del Comitato di coordinamento per l'introduzione delle merci a Gaza, ha reso noto che oggi le autorità d'occupazione lasceranno passare gas da cucina e carburante industriale destinato alla centrale elettrica di Gaza. Tuttavia, restano pur sempre quantità limitate.

Nella giornata di oggi (7 giugno), attraverseranno il valico di Kerem Shalom (quello di Karni ad est resterà chiuso) 130 camion con beni e generi per l'assistenza, mentre quattro veicoli trasporteranno attrezzature e pezzi di ricambio indirizzati all'Autorità per l'Elettricità di Gaza.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"