Coloni invadono al-Aqsa tra forti restrizioni verso palestinesi

Gerusalemme-Quds Press e PIC. Decine di coloni e studenti israeliani hanno fatto irruzione nella moschea di al-Aqsa, lunedì, passando attraverso la porta di al-Maghareba, sotto una pesante scorta della polizia, per celebrare il secondo giorno delle vacanze dello Shavuot.

Nel frattempo, la polizia israeliana ha rafforzato le misure di sicurezza imposte ai fedeli palestinesi in visita alla moschea dall’inizio del Ramadan.

La polizia ha anche intensificato le campagne di arresto e le politiche di espulsione contro le guardie ed il personale al-Aqsa, nel tentativo di mettere dei limiti al dipartimento islamico per i Beni religiosi della Moschea.

Secondo il funzionario per le pubbliche relazioni ed i media del dipartimento Islamico per i Beni religiosi,  Feras al-Dibs, 184 coloni israeliani, tra cui 30 studenti ebrei, hanno fatto irruzione nella moschea al-Aqsa al mattino e hanno condotto delle visite provocatorie nei suoi cortili, prima di andarsene attraverso la Porta al-Silsila.

Al-Dibs ha affermato che i coloni hanno eseguito rituali religiosi e hanno ricevuto spiegazioni sul presunto “Monte del Tempio”.

La polizia israeliana ha aperto la porta di al-Maghareba alle 7:30 del mattino, si è schierata nei cortili di al-Aqsa e ha chiuso il cancello dopo che l’incursione si è conclusa alle 11:00.

Circa 284 coloni israeliani hanno invaso la moschea al-Aqsa questa domenica per celebrare la loro festa.

I coloni israeliani organizzano ogni giorno visite alla Moschea, divise in due turni: al mattino e al pomeriggio. Le incursioni aumentano solitamente durante le festività ebraiche.

Traduzione per InfoPal di F.H.L.

tag: , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"