Corte suprema israeliana: i prigionieri palestinesi non hanno diritto al distanziamento sociale contro la diffusione del COVID-19

Adalah Il tribunale israeliano respinge la petizione di che chiede a Israele di attuare le linee guida di protezione COVID-19 per i prigionieri nel carcere di Gilboa, dove 30 guardie carcerarie e 7 prigionieri sono infetti mentre 489 guardie e 58 prigionieri si trovano in quarantena.

Giovedì 23 luglio 2020 la Corte suprema israeliana ha decretato che i palestinesi detenuti nelle carceri israeliane non hanno diritto al distanziamento sociale contro il virus COVID-19.

Il tribunale si era riunito in precedenza per ascoltare una petizione presentata da Adalah, il Centro legale per i diritti delle minoranze arabe in Israele, che chiedeva al Servizio penitenziario israeliano (IPS) e al Ministero della pubblica sicurezza di prendere tutte le misure necessarie per proteggere dalla diffusione del COVID-19 i 450 prigionieri – in gran parte palestinesi – che sono classificati come “prigionieri di sicurezza” nella prigione sovraffollata di Gilboa.

L’avvocato Adalah Myssana Morany, che ha presentato la petizione per conto delle famiglie di due prigionieri palestinesi, ha risposto alla sentenza della Corte suprema israeliana:

“La Corte suprema israeliana ha scelto di accettare le bugie delle autorità israeliane secondo cui le politiche di distanziamento sociale per il COVID-19 – essenziali per tutti gli altri – non sono rilevanti per i “prigionieri di sicurezza” palestinesi, attualmente dietro le sbarre. Questa sentenza mette in pericolo la vita e la salute dei palestinesi detenuti in Israele e costituisce una minaccia per la società nel suo insieme. Rappresenta inoltre un affronto ai professionisti sanitari e agli attivisti umanitari in tutto il mondo che hanno chiesto il distanziamento sociale all’interno delle carceri e lascia i palestinesi detenuti in Israele esposti al virus senza possibilità di proteggersi”.

I giudici della Corte Suprema hanno accettato l’affermazione promossa dalle autorità statali israeliane secondo cui i palestinesi detenuti in carcere non sono diversi dai familiari o dai coinquilini che vivono nella stessa casa, ignorando completamente il fatto che i prigionieri sono detenuti sotto coercizione e che le autorità israeliane sono responsabili della loro salute e delle condizioni della loro detenzione.

La sentenza del tribunale ha sollevato l’IPS dall’obbligo di mantenere, e persino lottare, per un distanziamento sociale sicuro nelle celle dei “prigionieri di sicurezza” palestinesi. Ciò è contrario alle pratiche sanitarie di base utilizzate dalle autorità penitenziarie di tutto il mondo per contrastare la diffusione del COVID-19.

La sentenza evidenzia anche il continuo rifiuto della Corte Suprema israeliana, durante tutto il periodo della pandemia, di ascoltare petizioni relative alla protezione dei diritti dei detenuti.

La Corte Suprema ha inoltre stabilito che Adalah è responsabile per la copertura di 5.000 NIS in spese processuali.

Nella petizione, Adalah ha richiesto che il servizio penitenziario israeliano (IPS) e il ministero della Pubblica sicurezza israeliano mettessero in atto le linee guida di distanziamento sociale del ministero della Sanità israeliano per i prigionieri detenuti in questa struttura, situata nel nord del Paese.

I materiali forniti dalle autorità statali alla Corte suprema e discussi nell’audizione del 22/7 hanno sottolineato che le restrizioni sul distanziamento sociale non dovrebbero applicarsi ai familiari o alle persone che vivono insieme, ma hanno anche riconosciuto la necessità di ridurre la densità di popolazione all’interno delle strutture israeliane tra i prigionieri che stanno scontando condanne penali.

L’avvocato Adalah Myssana Morany ha commentato immediatamente dopo l’udienza:

“Le autorità israeliane hanno affermato oggi in tribunale che le politiche di distanziamento sociale essenziali per proteggere i detenuti che scontano accuse penali non sono in qualche modo rilevanti per i” prigionieri di sicurezza “. Il Servizio penitenziario israeliano ci avrebbe dovuto sostenere oggi e chiedere che gli fossero concessi i mezzi per proteggere quelle persone della cui salute e sicurezza è direttamente responsabile. Invece ci siamo trovati di fronte a argomentazioni assurde che equiparavano le carceri ai soggiorni familiari, mentre i prigionieri continuano a essere costretti a entrare in contatto quotidiano con le guardie potenzialmente esposte al COVID-19 fuori dalle mura della prigione”.

Cosa devi sapere sulle prigioni israeliane.

Nella prigione di Gilboa sei prigionieri sono alloggiati in celle di 22 metri quadrati (comprensive di un bagno in comune) che contengono tre letti a castello. In queste condizioni, i prigionieri non sono in grado di aderire alle linee guida sul distanziamento sociale del ministero della Salute israeliano per prevenire la diffusione di COVID-19, mettendo così a repentaglio la loro sicurezza e la loro vita.

I rappresentanti dello stato israeliano hanno fornito alla corte cifre aggiornate sull’entità della pandemia di COVID-19 all’interno delle strutture di detenzione dell’IPS:

  • 30 dipendenti IPS sono affetti da COVID-19
  • 7 prigionieri (inclusi 2 prigionieri di sicurezza) sono affetti da COVID-19
  • 489 dipendenti IPS sono in quarantena
  • 58 prigionieri (inclusi 10 prigionieri di sicurezza) sono in quarantena
  • L’IPS ha condotto 9.124 test COVID-19, di cui circa 4.000 sui prigionieri

Adalah ha ripetutamente tentato di ottenere informazioni dall’IPS in merito alle condizioni in cui i prigionieri palestinesi sono detenuti, soprattutto considerando la loro esclusione dalle nuove misure intese a ridurre la densità carceraria. Mentre Israele ha recentemente rilasciato centinaia di prigionieri durante la crisi COVID-19 a causa del sovraffollamento, nessun palestinese classificato come prigioniero di sicurezza è stato rilasciato.

In risposta a una petizione pre-COVID-19 presentata dall’Associazione per i diritti civili in Israele, la Corte suprema israeliana ha stabilito che le strutture carcerarie israeliane devono garantire uno spazio di vita minimo di 4,5 metri quadrati per prigioniero. L’IPS non ha rispettato questa sentenza della Corte suprema.

Traduzione per InfoPal di Sara Zuccante

tag: , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"