Crisi Anp-Al Jazeera: gli imam non ascoltano gli ordini del ministro al-Habbash

 

Ramallah – Pal-Info. I predicatori delle moschee di tutta la Cisgiordania si sono rifiutati di obbedire alle direttive del governo che aveva ordinato loro d'incitare la popolazione contro Al Jazeera.

L'ordine è dovuto agli ormai ben noti documenti rivelati dal network internazionale, che parlano di pesanti concessioni accordate dai negoziatori palestinesi su tutti i punti principali delle trattative con Israele.

Come ha spiegato uno dei predicatori, Abu Bilal, il ministro delle Questioni religiose di Ramallah Mahmud al-Habbash aveva convocato d'urgenza alcuni imam, l'altro ieri, elencando una serie di punti da toccare nel sermone del venerdì. Sostanzialmente, come ha riferito Abu Bilal, al-Habbash chiedeva di accusare Al Jazeera di voler scatenare rivolte e attaccare l'Autorità nazionale palestinese (Anp), e si aspettava quindi che i predicatori invitassero a difendere 'Abbas e a marciare per dargli sostegno.

Alcuni dei presenti, poco propensi a seguire le indicazioni del ministro, avevano quindi discusso i punti presentati da quest'ultimo, ma le istruzioni erano rimaste invariate.

L'episodio rientra in una crisi generale del controllo che Mahmud 'Abbas esercita in Cisgiordania, dovuta ad alcuni diverbi con il primo ministro Salam Fayyad. Le rivelazioni di Al Jazeera hanno inferto un ulteriore colpo al presidente, che ha accusato Muhammad Dahlan [leader e membro del Comitato centrale di Fatah, ndr] di essere responsabile della fuga d'informazioni.

Articoli correlati:

http://www.infopal.it/leggi.php?id=17354

 

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"