Dall’inizio dell’Intifada di al-Aqsa, più di 3.000 bambini palestinesi arrestati

Gaza. Una relazione dell'Associazione dei prigionieri e degli ex prigionieri “Hisam”, che ha sede a Gaza, riporta (6 aprile) che dallo scoppio dell'Intifada di al-Aqsa (set. 2000) sono oltre 3.000 i ragazzini palestinesi sequestrati da Israele: 320 si trovano ancora nelle carceri sioniste.

La relazione stessa riferisce che numerosi ragazzini hanno subito aggressioni e violazioni, quali la privazione del sonno per periodi prolungati, oppure il divieto di cambiarsi i vestiti, per non parlare delle aggressioni con coltelli e rasoi.

Le punizioni nei loro confronti non si limitano a questo. Gli inquirenti sionisti fanno ricorso a metodi ignobili, come l'uso di acqua gelata alla quale fa seguito quella calda, i sacchetti per soffocarli, i proiettili di plastica…

Gli occupanti israeliani hanno reso l'uccisione e l'arresto di ragazzini una prassi normale, sebbene gli accordi internazionali sui diritti dell'uomo e quelli del bambino insistano sulla protezione dei bambini stessi, delle loro vite e delle loro opportunità di sviluppo.

Per quanto concerne la situazione nelle carceri, la relazione spiega che i ragazzini soffrono per le crudeli ed inumane condizioni di prigionia, al di sotto degli standard minimi riconosciuti a livello internazionale per quanto riguarda i diritti dei bambini e dei prigionieri.

La relazione chiarisce inoltre che gli occupanti impongono sentenze durissime e sanzioni esorbitanti ai danni dei ragazzini: uno di loro è stato condannato a 12 anni, altri tre a 14 anni.

L'Associazione chiude la sua relazione illustrando che nelle carceri israeliane si trovano 60 ragazzini malati, ai quali non vengono garantite adeguate cure mediche.

(Fonti: Palestine.info e Quds Press)

Notizia correlata:

Giornata dell'Infanzia, la denuncia: 340 bambini palestinesi in prigione.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"