Dati: lo scorso ottobre le forze israeliane hanno eseguito 417 arresti

Ramallah – Quds Press. In un rapporto sui diritti umani si specifica che le forze d’occupazione israeliane hanno arrestato, durante lo scorso ottobre, 417 Palestinesi in diverse località. Tra essi figurano anche 75 bambini e 16 donne.

Secondo le statistiche rivelate da Quds Press nella giornata di lunedì (11/11), gli arresti risultano geograficamente distribuiti come segue: 188 nella Gerusalemme occupata, 30 presso le città di Ramallah ed al-Bireh (Cisgiordania centrale) e 60 a Hebron (Cisgiordania meridionale).
Si registrano altri 22 fermi in ciascuna di queste località: Nablus, Jenin (Cisgiordania del nord), Betlemme (Cisgiordania del sud). 26 sono invece quelli effettuati a Tulkarem e 21 quelli presso Qalqiliyya (site entrambe nella Cisgiordania settentrionale).

Le forze israeliane hanno inoltre arrestato 5 Palestinesi a Tubas (Cisgiordania del nord), 3 a Salfit (Cisgiordania centrale) e 9 a Gerico (Cisgiordania orientale). Altri 9 fermi sono stati eseguiti nei territori della Striscia di Gaza.

Il rapporto precisa che il mese scorso le autorità dell’occupazione hanno emesso 85 ordinanze d’arresto amministrativo, 31 delle quali sotto forma di conferma di identiche delibere emanate precedentemente, mentre le restanti 54 hanno rappresentato provvedimenti ex novo.

I dati sottolineano come il numero dei Palestinesi detenuti nelle carceri israeliane sia arrivato a sfiorare le 5000 unità alla fine del mese scorso. Tra essi figurano 40 donne, 200 bambini e 450 prigionieri amministrativi.

Le organizzazioni che hanno partecipato alla realizzazione del rapporto sono: l’Associazione dei Prigionieri Palestinesi (semi-governativa), l’Associazione per il Supporto dei Prigionieri e dei Diritti Umani (pubblico-privata) e la Commissione per le Questioni riguardanti i Detenuti (affiliata all’Organizzazione per la Liberazione della Palestina).

Traduzione per InfoPal di Giuliano Stefanoni

tag: , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"