DCIP: “Non c’è giustizia per 50 minori palestinesi uccisi nel 2018”

MEMO. L’uccisione israeliana di tre bambini palestinesi durante l’attacco aereo di domenica è stato solo l’ultimo “di un elenco sempre più lungo di bambini uccisi per mano delle forze israeliane in circostanze non chiare che possono costituire un uso illegale della forza”, afferma Defense for Children International-Palestine (DCIP).

Secondo l’ONG, alle 18:30 circa di domenica 28 ottobre, “un attacco aereo israeliano ha ucciso il 13enne Khaled Bassam Mahmoud Abu Said, il 13enne Abdul Hamid Mohammad Abdul Aziz Abu Daher e il 14enne Mohammed Ibrahim Abdullah Al-Sattari, a est di Deir Al-Balah “nella Striscia di Gaza.

La Mezzaluna Rossa Palestinese non ha potuto accedere alla zona fino alle 21:30 “a causa del continuo fuoco israeliano”. Il dottor Ahmad Duheir dell’ospedale Martiri di Al-Aqsa “ha dichiarato che tutti e tre i minorenni erano deceduti quando avevano raggiunto l’ospedale, con ferite da schegge visibili in tutto il corpo”.

“Sulla base delle prove disponibili, le morti di questi bambini sembrano equivalere a uccisioni illegali”, ha detto Ayed Abu Eqtaish, direttore del programma di responsabilità del DCIP.

“La Commissione d’inchiesta dell’ONU offre l’opportunità di indagare sulle violazioni che possono costituire crimini di guerra, ma deve anche fornire misure di responsabilità volte a porre fine all’impunità e proteggere i civili, compresi i bambini, dagli attacchi.

“L’esercito o gli stati possono usare la forza letale solo quando c’è un pericolo imminente per le vite”, ha detto Omar Shakir, direttore di Human Rights Watch per Israele e Palestina.

Entrare in un’area ristretta lungo il confine, o persino collocarci degli esplosivi, “non significa che la vita di qualcuno sia in pericolo imminente”, ha detto Shakir.

Il DCIP ha affermato che i tre sono tra i sei bambini uccisi dalle forze israeliane nella Striscia di Gaza occupata solo questo mese “e che almeno 50 bambini sono stati uccisi dalle forze israeliane o dai coloni nei Territori Palestinesi Occupati quest’anno “.

Da quando sono iniziate le proteste della “Marcia per il Ritorno” il 30 marzo, “il DCIP ha documentato un forte aumento del numero di bambini palestinesi uccisi dalle forze israeliane”.

Così come i decessi, “almeno 13 bambini della Striscia di Gaza hanno subito un’invalidità permanente dall’inizio dell’anno a causa delle ferite subite dalle forze israeliane”.

Traduzione per InfoPal di Edy Meroli

tag: , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"