Detenuti palestinesi non riceveranno dispositivi di protezione contro il Coronavirus

Ramallah – PIC. Wasfi Kabha, ex-ministro palestinese per gli affari dei prigionieri, ha affermato sabato che le autorità israeliane si sono rifiutate di fornire ai detenuti palestinesi nelle carceri israeliane maschere e altri articoli di sicurezza per proteggersi dal coronavirus.

Kabha ha affermato che il Servizio penitenziario israeliano ha chiesto ai prigionieri di usare i loro calzini come maschere, in palese disprezzo per le loro vite.

A causa del sovraffollamento delle celle delle prigioni israeliane e dell’assenza di prodotti per la pulizia nelle mense, i detenuti palestinesi sono ora più vulnerabili che mai, alla luce dell’epidemia di coronavirus, ha osservato.

Kabha, un ex-detenuto, ha affermato che la maggior parte delle malattie che colpiscono i prigionieri palestinesi all’interno delle carceri israeliane di solito derivano dalla mancanza di assistenza sanitaria e forniture igieniche. Non esiste una pulizia periodica delle celle dei prigionieri, molto meno la sterilizzazione, ha aggiunto.

L’ex-ministro ha affermato che ci sono mille detenuti nelle carceri israeliane con problemi di salute, tra cui 28 che soffrono di malattie croniche, il che significa che sono a maggior rischio di contrarre il coronavirus.

Ha invitato le organizzazioni dei diritti umani interessate a livello locale ed internazionale a fare pressione sulle autorità israeliane affinché adottino tutte le misure preventive necessarie che garantiscano la sicurezza dei prigionieri palestinesi durante la pandemia di coronavirus.

Traduzione per InfoPal di F.H.L.

tag: , , , , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"