Dietro la minaccia rivolta alla Flotilla vi è un Centro israeliano finanziato da John Hagee, pastore omofobo della Fine dei Tempi.

Dietro la minaccia rivolta alla Flotilla vi è il Centro di Legge israeliano, finanziato da John Hagee, pastore omofobo della Fine dei Tempi.

di Max Blumenthal

27 giugno 2011

http://mondoweiss.net/2011/06/israel-law-center-behind-harassment-of-flotilla-funded-by-homophobic-end-timer-pastor-john-hagee.html

Il pastore John Hagee è il principale finanziatore di “Shurat Hadin”, il Centro di Legge israeliano, fautore della campagna legale contro la Freedom Flotilla, diretta a Gaza.

Il 24 giugno, Joseph Dana, giornalista che sarà a bordo della nave statunitense della Flotilla, ha scoperto che una denuncia legale in forma privata e anonima era stata presentata contro la Freedom Flotilla.

Nella denuncia si sosteneva che la nave americana “The Audacity of Hope,” non fosse a norma e quindi non non fosse idonea a viaggiare in mare.

Come conseguenza, il capitano del porto di Atene, dove la nave era attraccata, aveva riferito ai passeggeri americani che non avrebbe potuto lasciarli partire fino a denuncia risolta.

Due giorni dopo, il Centro israeliano “Shurat Hadin” ha rivendicato la paternità della denuncia, fondamentalmente priva di basi, ma straordinariamente di potere come minaccia legale.

Cos’è con esattezza “Shurat Hadin” e qual è il suo intento? Stando al sito web del gruppo, “Shurat Hadin” è un centro legale con sede a Tel Aviv, specializzato in azioni legali contro “terroristi”. Il suo fondatore è Nitsana Darshan-Leitner, la quale si auto-definisce “attivista dei diritti umani per natura”.

Darshan-Leitner ha iniziato a lanciare minacce contro la nave americana settimane fa, sottoscrivendo un’azione civile contro “sospetti sostenitori di Hamas” per conto di Alan Bauer, un medico americano ferito insieme al figlio nel 2002 a Gerusalemme nel corso di un attacco dinamitardo. L’azione ha coinvolto anche le società marittime assicurative, minacciandole di impugnare azioni legali qualora avessero fornito copertura assicurativa a qualunque delle navi della Flotilla.

Poi, ho scoperto che il maggior finanziatore di “Shurat Hadin” è un individuo omofobo e di estrema destra, il pastore John Hagee. Nel marzo 2010 avevo scritto che Hagee era comparso affianco del premier israeliano Benjamin Netanyahu in una manifestazione a Gerusalemme indetta per denunciare la soluzione dei due Stati, nella quale si annunciarono pure i suoi contributi finanziari e dei suoi sostenitori alle organizzazioni israeliane tra le quali “Shurat Hadin”.

Chi è il finanziatore di Israele Hagee?

da Max Blumenthal a Vimeo.

Durante la campagna presidenziale, il senatore repubblicano John McCain espresse il proprio ripudio per l’appoggio di Hagee e per la sua definizione di Olocausto come l’adempimento della profezia divina. 

Hagee sostiene pure che l’anticristo sia “parzialmente ebreo”, come Adolph Hitler”. 

Come ha documentato il ricercatore e reporter Bruce Wilson, Hagee sostiene che la famiglia di ebrei Rothschild controlli l'economia americana attraverso la Federal Reserve cospirando un attacco contro la classe media americana per mezzo della svalutazione del dollaro. Nel suo libro del 2006, “Jerusalem Countdown”, Hagee rivendicava la discendenza da Esaù del lignaggio “per metà ebraico”. Per il pastore, tra questi vi era anche Adolf Hitler, il persecutore sanguinario degli ebrei nella storia. Non solo, Hagee profetizza che Dio ha in serbo lo sterminio della linea “per metà ebraica”.

Queste dichiarazioni – insieme a innumerevoli altre atte a demonizzare omosessuali, musulmani e chiunque altro, per Hagee sia allineato con il “Nemico” – sono state ampiamente riportate. Tuttavia, sembra che Hagee non abbia avuto nulla da ridire nei confronti “dell’attivista per i diritti umani”  Darshan-Leitner  o di Shurat Hadin che intorno a lui si sono stretti beneficiando del suo tesoro.

Articolo pubblicato sul blog di Max Blumenthal 

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"