Diplomatico palestinese: le lotte per la liberazione della Palestina non si fermeranno mai

PressTv. L’ambasciatore palestinese a Tehran, Salah Zawawi, ha affermato che le lotte per la liberazione della Palestina non si fermeranno mai.

Sabato in una conferenza stampa a Tehran, il diplomatico palestinese ha espresso ottimismo nei confronti della liberazione della Palestina.
Egli ha messo in luce l’iniziativa dell’Imam Khomeini, il defunto fondatore della Repubblica Islamica, di designare l’ultimo venerdì del mese lunare del Ramadan come la giornata mondiale di al-Quds, che, ha aggiunto Zawawi, appartiene all’intero mondo musulmano e alla comunità musulmana.
Nel 1979, Imam Khomeini ha designato l’ultimo venerdì del sacro mese di Ramadan come la giornata mondiale del Quds, quando i musulmani di tutto il mondo si riuniscono per dimostrare la loro solidarietà ai palestinesi.
Il delegato ha sottolineato che la Rivoluzione Islamica dell’Iran è inestricabilmente e storicamente intrecciata con la causa palestinese, chiarendo che questa connessione durerà fino alla completa liberazione della Palestina.
Egli ha, inoltre, affermato che il voto dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite per aggiornare lo status della Palestina nell’organismo mondiale è stata un’importante vittoria per la Palestina e i palestinesi.
Zawawi ha evidenziato che questo punto è stato un passo avanti verso la liberazione delle terre palestinesi.
Il 29 Novembre 2012, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha votato a favore del cambiamento dello status della Palestina nelle Nazioni Unite da “osservatore” a “stato osservatore non membro”.
Questo cambiamento permette ai palestinesi di partecipare ai dibattiti dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, oltre a dare maggiore opportunità nel prendere parte alle agenzie delle Nazioni Unite e nel Tribunale Penale Internazionale, dove la Palestina può presentare denunce contro Israele.

Traduzione per InfoPal a cura di Sonia Li Veli

 

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"