Distorcere la definizione di antisemitismo per proteggere Israele da ogni critica

972mag.com. Di Amos Goldberg and Raz Segal. L’IHRA inizialmente ha cercato di combattere il razzismo contro gli ebrei e il negazionismo dell’Olocausto, ma la sua definizione di antisemitismo serve come strumento per mettere a tacere tutte le critiche a Israele, rendendo più difficile l’identificazione delle forme effettive di odio antiebraico.

Vi è una crescente tendenza tra ebrei e non ebrei a etichettare quelli con cui hanno profonde differenze politiche, specialmente in materia di Israele-Palestina, come antisemiti. L’accusa è severa: nella maggior parte dei paesi occidentali, l’antisemitismo è considerato un tabù e l’identificazione di una persona o organizzazione con l’antisemitismo spesso li rende illegittimi nell’arena pubblica.

Due principali tecniche facilitano tali accuse. Il primo riguarda la rivendicazione molto illusiva di alcune immagini antisemite. Il fatto che 2000 anni di ostilità e odio nei confronti degli ebrei abbiano creato un deposito di immagini antiebraiche così ricco – e talvolta contraddittorio – significa che quasi ogni pretesa può essere collegata ad almeno una di quelle immagini.

Attraverso la manipolazione di queste immagini, insieme a un po’ di fantasia, si potrebbe identificare qualsiasi forma di critica come antisemita. Questo tipo di logica è utilizzata dai sostenitori dell’occupazione israeliana e del governo nazionalista al fine di delegittimare chiunque osi criticare le politiche israeliane.

La seconda tecnica si basa sulla definizione di antisemitismo formulata dall’International Holocaust Remembrance Alliance. Fondata nel 1998 (con un nome diverso), l’IHRA è un organo politico con un notevole potere politico, che unisce rappresentanti del governo e studiosi dell’Olocausto di 33 paesi, quasi tutti in Occidente. L’IHRA mira a diffondere e istituzionalizzare l’insegnamento e la ricerca sull’Olocausto, commemorare l’Olocausto e lottare contro l’antisemitismo.

L’IHRA ha concordato una definizione di antisemitismo nel 2016, insieme a un elenco di esempi, basati su definizioni precedenti. Da allora è diventata una specie di “legge morbida” che è vincolante in molte istituzioni, e persino Stati, in tutto il mondo. Il problema è che la definizione IHRA affronta in modo ossessivo – più che con qualsiasi altro argomento – il grado di antisemitismo nelle critiche a Israele, rendendo molto più difficile identificare casi reali di antisemitismo, gettando al contempo una nuvola di sospetto su quasi tutte le critiche di Israele. Nel frattempo, l’onere della prova incombe ai critici di Israele, ai quali viene costantemente chiesto di dimostrare che non sono antisemiti.

Queste due tecniche dubbie sono state recentemente mostrate in un articolo pubblicato su Haaretz da Yehuda Bauer, che aiuta a identificare alcune delle gravi e fondamentali distorsioni dell’attuale discorso sull’antisemitismo. Bauer sostiene che la richiesta del diritto al ritorno palestinese – che è un consenso tra i palestinesi – non è solo antisemita ma anche proto-genocida, nientemeno. Questo, anche se Bauer stesso ha caratterizzato alcuni degli eventi della guerra del 1948 come “pulizia etnica” nel suo libro “Gli ebrei: un popolo contrario”. Lo scrittore pensa che non dovrebbe essere considerato antisemita? Non si tratta di un’inversione di ruoli: le (reali) vittime diventano (immaginarie) assassine di massa all’interno di questo discorso deformato sull’antisemitismo?

Bauer, tuttavia, è andato ancora oltre, accusando lo storico israeliano Daniel Blatman di adottare una posizione antisemita per aver osato criticare bruscamente l’IHRA, che Bauer ha contribuito a stabilire e dove ricopre il ruolo di presidente onorario fino ad oggi. Blatman sostiene che la definizione è dedicata alla protezione di Israele da qualsiasi critica significativa. Tuttavia, agli occhi di Bauer, l’argomento secondo cui la definizione IHRA esercita un’influenza potente e dannosa si basa sull’immagine antisemita degli ebrei in quanto detengono un potere sproporzionato e governano il mondo. Anche qui l’affermazione di Bauer è debole. Invece di impegnarsi in modo significativo con la critica della definizione, gli esempi di accompagnamento e le sue terribili conseguenze sulla lotta contro l’oppressione dei palestinesi, sostenitori della definizione, Bauer incluso, preferiscono associare la critica ad essa con l’immaginario antisemita.

Un’accusa simile è stata recentemente avanzata anche contro la rivista tedesca Der Spiegel dopo che ha pubblicato un articolo investigativo poco lusinghiero sulla lobby filo-israeliana nel paese. L’articolo ha suscitato un violento contraccolpo da parte di ebrei e non ebrei, tra cui Felix Klein, commissario federale tedesco per la lotta contro l’antisemitismo, che si concentra principalmente sulla difesa del governo di Israele. Un chiarimento pubblicato dagli editori della rivista ha sottolineato che nelle ultime settimane avevano condotto indagini simili su due organizzazioni di lobby non ebraiche in Germania senza collegamenti con Israele.

Difendere i coloni, non gli ebrei.

Queste due tecniche sono usate molto frequentemente e con conseguenze disastrose. Un altro esempio è arrivato nel 2017, sei anni dopo che un giovane studioso inglese, che aveva trascorso del tempo in un’istituzione accademica in Israele, aveva pubblicato un articolo sulle sue impressioni dopo un tour a Betlemme nella Cisgiordania occupata. Tra le altre cose, aveva scritto che il ricordo dell’Olocausto non dovrebbe dare a Israele giustificazione morale per l’occupazione. Sei anni dopo, Sir Eric Pickles, un membro conservatore del parlamento britannico, ha trovato l’articolo e lo ha definito “uno dei peggiori casi di diniego dell’Olocausto” degli ultimi anni.

Pickles, insieme alla Campagna contro l’antisemitismo, chiedeva che lo studioso venisse immediatamente respinto, basandosi non solo sulla definizione IHRA. L’università britannica dove insegnava all’epoca convocò un gruppo di esperti per esaminare la questione. Sebbene non trovasse alcuna indicazione di antisemitismo nell’articolo, la discussione continuò e il buon nome dello studioso fu offuscato. Alla fine lasciò l’università e si trasferì in un’altra istituzione.

Il messaggio al pubblico – e agli studiosi – era chiaro: è meglio dimenticare la libertà di parola e non criticare Israele. Dopotutto, farlo significa che potresti essere soggetto a una grave accusa.

Oggi il tentativo di sopprimere le critiche a Israele basate sulla definizione IHRA si estende anche alla campagna contro la posizione dell’Unione Europea secondo cui i prodotti realizzati negli insediamenti israeliani devono essere etichettati come tali (che l’Istituto Simon Wiesenthal ha elencato come il terzo più grave incidente antisemita nel 2015). Sembra, quindi, che la definizione IHRA difenda i coloni israeliani più di quanto si preoccupi della sicurezza degli ebrei in tutto il mondo.

Di conseguenza, alla fine di giugno, è stato presentato al Senato dello Stato del New Jersey un disegno di legge che vietava le espressioni di antisemitismo nelle scuole pubbliche e nelle università pubbliche. È certamente necessario combattere l’antisemitismo negli Stati Uniti, in particolare nel New Jersey, lo stato con il terzo più alto numero di episodi di antisemitismo negli Stati Uniti, nel 2018, con circa 200 casi.

È improbabile, tuttavia, che il disegno di legge, che comprende sezioni modellate sulla definizione IHRA, aiuterebbe nella lotta contro l’antisemitismo nello Stato, poiché il suo scopo principale sembra essere il silenzio delle critiche a Israele (proibisce, ad esempio, indagini sulla pace o sui diritti umani incentrate esclusivamente su Israele). Ma l’idea che solo Israele sia il bersaglio di questo tipo di critica non è solo avulsa dalla realtà, ma mira a creare un effetto agghiacciante. È sufficiente, ad esempio, dare un’occhiata all’elenco delle persone accusate dal Tribunale penale internazionale dell’Aia, che non include un solo israeliano, per chiederci se sia necessario un tale provvedimento nel disegno di legge, a parte il desiderio di sopprimere qualsiasi critica a Israele.

Deviare l’attenzione dei veri antisemiti.

Richard Spencer, una delle voci di spicco della destra nazionalista negli Stati Uniti, ha fornito un primo esempio di questa connessione a luglio 2018, quando ha espresso il fervido sostegno alla legge israeliana di Stato-nazione ebraica. Ciò è avvenuto dopo che aveva definito Israele un’ispirazione e un modello di etno-nazionalismo, mentre allo stesso tempo spiegava che “gli ebrei sono enormemente sovra-rappresentati nell'”establishment” e che i bianchi sono sfrattati da questo paese”. La definizione IHRA mira certamente a combattere contro tali dichiarazioni e persone come Spencer, ma la sua ossessione per il silenziamento della critica a Israele distoglie l’attenzione dai veri antisemiti che possono sostenere Israele mentre allo stesso tempo rappresentano una seria minaccia per gli ebrei negli Stati Uniti Stati.

Detto in altri termini, non è necessaria la definizione IHRA per identificare persone come Spencer come antisemiti, ma una volta che l’antisemitismo è eguagliato alle critiche a Israele, persone come Spencer ne rimangono fuori. Dopotutto, sono grandi sostenitori di Israele.

In effetti, il legame tra ebrei e il presunto sfratto dei bianchi negli Stati Uniti è stato il fattore scatenante per il suprematista bianco che ha compiuto il massacro alla sinagoga di Pittsburgh, pochi mesi dopo le osservazioni di Spencer. In una dichiarazione pubblicata sui social media pochi minuti prima di aprire il fuoco, il tiratore ha scritto che gli ebrei stanno aiutando i rifugiati a entrare negli Stati Uniti e a distruggerlo.

Questa paura del “genocidio bianco” domina le menti dei nazionalisti bianchi in tutto il mondo. È impossibile lottare contro questo grave pericolo per ebrei, rifugiati e altri che i nazionalisti considerano un pericolo esistenziale per la loro visione etno-nazionalista, mettendo a tacere le critiche a Israele e alla sua visione etno-nazionalista che vede i palestinesi residenti nei Territori occupati, i rifugiati della guerra del 1948 e i cittadini di Israele (così come i rifugiati dall’Africa) – come un pericolo. La definizione IHRA e i suoi derivati ​​contribuiscono proprio a questo.

I politici di destra, tra cui il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e i media israeliani di destra, hanno capito che il focus della lotta contro l’antisemitismo si è spostato dai nazionalisti razzisti alle critiche a Israele e usano la definizione catastrofica dell’IHRA per i loro scopi. Contrariamente all’apparente ingenuità di Bauer, il diritto comprende molto bene il potente potenziale della definizione IHRA, non solo allo scopo di proteggere il sionismo da qualsiasi critica, ma anche per difendere l’occupazione stessa.

Il governo di Israele e i suoi rappresentanti, così come molte organizzazioni pro-israeliane in tutto il mondo, stanno ottenendo un notevole successo nel mettere a tacere le critiche alle politiche israeliane giocando questa carta. Utilizzando la definizione di antisemitismo della IHRA, sono riusciti a cambiare completamente il discorso: piuttosto che parlare dell’occupazione, della Nakba o della sua violazione dei diritti nazionali, umani e civili, il discorso pubblico dominante ora ruota attorno a ciò che è o non è vietato quando si tratta di critiche a Israele e in che misura le critiche sono antisemite. In questa realtà, Israele non ha più bisogno di difendersi dalle accuse – ha una mano libera per gettare le accuse.

Il professor Amos Goldberg insegna presso il Dipartimento di Storia ebraica e l’ebraismo contemporaneo presso l’Università Ebraica di Gerusalemme. La sua ricerca si concentra sull’Olocausto e sulla sua memoria.                                                                                                                      Il dott. Raz Segal è assistente professore di studi sull’olocausto e sul genocidio, Stockton University, New Jersey.

(Photo by Amir Levy/Flash90)

Traduzione per InfoPal di L.P

 

 

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"