Donna di 89 anni muore a causa di ferite inflitte da razzo palestinese

Gaza-IMEMC. Una donna di 89 anni, identificata come Rifqa Jamil, è morta domenica a causa di ferite riportate due mesi prima, quando combattenti palestinesi hanno lanciato dei razzi sulla sua zona. Jamil è caduta mentre correva verso un rifugio antiaereo, ferendosi alla schiena.

Da quel momento, fonti mediche israeliane hanno riferito che le sue condizioni si sono gravemente deteriorate.

Secondo una dichiarazione dell’ospedale, “durante il suo ricovero al Centro Medico di Barzilai, sono sorti altri problemi relativi alla sua salute che, a causa delle sue condizioni, si sono progressivamente deteriorati”.

Jamil era residente di Ashkelon, una città costiera nel sud di Israele, che una volta ospitava decine di migliaia di famiglie palestinesi, che ora vivono come rifugiati nella Striscia di Gaza.

Era anche vedova di un soldato israeliano, morto durante la guerra israeliana del 1973 contro palestinesi e stati arabi.

La sua ferita è stata riportata durante l’escalation di violenza di due mesi fa, in cui le forze israeliane hanno ucciso decine di palestinesi, ed i combattenti palestinesi hanno risposto lanciando razzi contro Israele, uccidendo tre civili israeliani.

Traduzione per InfoPal di F.H.L.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"