Effetto congiunto da chiusura per Covid e assedio israeliano: tasso di disoccupazione a Gaza al 70%

MEMO. Il tasso di disoccupazione nella Striscia di Gaza assediata ha raggiunto il 70% a causa del continuo assedio israeliano dell’enclave e dei blocchi causati dal coronavirus, ha dichiarato lunedì il capo della Federazione sindacale generale palestinese, Sami Al-Ammasi.

Le osservazioni sono arrivate durante un incontro di una delegazione della Turkish Humanitarian Relief Foundation (IHH) presso l’ufficio della Federazione generale a Gaza.

Le due parti hanno discusso l’effetto negativo dell’assedio israeliano di 14 anni su Gaza e le conseguenze della crisi del COVID-19.

Al-Ammasi ha detto che oltre il 70 per cento della forza lavoro di Gaza, 250.000 persone, è attualmente disoccupata, con 140.000 che perderanno il lavoro a causa dello scoppio del coronavirus. Si tratta, ha spiegato, di una perdita di 40 milioni di dollari per l’economia.

La situazione richiederà un po’ di tempo per riprendersi, ha aggiunto, perché solo 500 delle 2.000 fabbriche dell’enclave hanno riaperto, chiedendo l’avvio di un fondo di emergenza per risarcire i colpiti e le loro famiglie.

(Foto di Mohammed Asad/Middle East Monitor).

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"