Fallito il tentativo USA di condannare Hamas all’Assemblea generale delle Nazioni Unite

PressTv.com. Una bozza di risoluzione sponsorizzata dagli Stati Uniti che aveva l’obiettivo di condannare il gruppo di resistenza palestinese Hamas all’Assemblea generale delle Nazioni Unite non ha ottenuto la maggioranza dei voti.

Giovedì, l’UNGA, composta da 193 membri, ha espresso il voto con 87 a favore e 57 contro sulla risoluzione, mentre 33 membri hanno scelto di astenersi, lasciando Washington con un voto plurimo che non soddisfa i due terzi del requisito per l’adozione della risoluzione.

Gli Stati Uniti avevano inizialmente chiesto un voto a maggioranza semplice, ma l’organismo mondiale ha optato per una maggioranza di due terzi (e 87 a favore non rappresentavano i 2/3).

La risoluzione ha tentato di condannare Hamas per aver effettuato attacchi missilistici contro Israele con l’uso di “ordigni incendiari dispersi nell’aria” contro israeliani che vivono nelle terre palestinesi occupate.
La risoluzione è arrivata settimane dopo che Hamas e altri gruppi di resistenza palestinesi hanno sparato più di 400 missili contro Israele durante un attacco israeliano contro un comandante del movimento di resistenza.

L’ambasciatrice statunitense Nikki Haley ha detto prima del voto che l’assemblea poteva condannare Hamas, che lei ha definito “uno dei casi più evidenti e grotteschi di terrorismo nel mondo”.

“Per il bene della pace, e per il bene di questa organizzazione, esorto rispettosamente i miei colleghi a sostenere questa risoluzione”, ha detto.

“L’Assemblea Generale ha approvato oltre 700 risoluzioni che condannano Israele. E non una sola risoluzione che condanna Hamas. Questo, più di ogni altra cosa, è una condanna delle stesse Nazioni Unite”, ha aggiunto.

La Cina e la Russia erano tra coloro che hanno votato contro. L’India si è astenuta nonostante avesse recentemente stretto legami più caldi con il regime di Tel Aviv. La misura è stata accolta favorevolmente in Europa e nelle Americhe.

Dopo il fallimento della bozza statunitense, l’UNGA ha votato – 156-6 – per adottare una risoluzione irlandese che chiedeva “il raggiungimento, senza indugio, di una pace globale e duratura in Medio Oriente” sulla base delle risoluzioni delle Nazioni Unite, in particolare del dicembre 2016.

La risoluzione ha inoltre ribadito “un sostegno costante” per una soluzione a due stati lungo “i confini precedenti al 1967”.

Tel Aviv ha cercato di ridurre la sconfitta, con l’inviato israeliano Danny Danon che ha affermato che il voto a maggioranza era a portata di mano se “non fosse stato dirottato da una mossa politica”.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha anche salutato gli 87 che hanno preso “una posizione di principio contro Hamas”.

Dopo il voto, Hamas ha salutato il fallimento della risoluzione come uno “schiaffo” all’amministrazione del presidente americano Donald Trump.

Anche il presidente dell’Autorità palestinese Mahmoud Abbas ha elogiato il risultato.

“La presidenza ha ringraziato tutti gli stati che hanno votato contro la bozza di risoluzione americana, affermando che non permetterà la condanna della lotta nazionale palestinese”, ha dichiarato l’ufficio dell’Autorità Palestinese in una dichiarazione.

tag: , , , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"