Famiglia di Silwan costretta a lasciare in un'ora la propria casa. Vi risiedevano da cento anni.

Assalto di una cinquantina di militari del Reparto israeliano per le Esecuzioni in una casa nella zona di Silwan, a sud della Città vecchia di Gerusalemme. L’abitazione, che è stata sgombrata, appartine a Ibrahim Ghozlan.

La truppa d’assalto ha fatto irruzione nell’abitazione al mattino presto, scalandone i muri e entrando da tetto e finestre, con evidente esito di terrorizzarne gli inquilini.

Sembra che un gruppo di integralisti ebrei ne abbia rivendicato il possesso, dichiarando di averla acquistata dalla famiglia Ghozlan nel 1923. La famiglia, tuttavia, spiega l’assurdità della pretesa: la persona che avrebbe venduto la casa, all’epoca aveva solo sei anni, quindi non era in grado di compiere questa azione. 
I coloni avevano già tentato di appropriarsi di questa casa, nel 1997, ma erano stati allontanati dalla gente e dall’intervento dell’Oriental House di Feisal Husseini.

Alcuni mesi fa, Ghozlan ha ricevuto una fattura di 245 mila dollari da pagare per l’utilizzo della casa a partire dal 1997.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"