Famiglia palestinese sfrattata da Gerusalemme

Gerusalemme-Imemc e Wafa. Mercoledì mattina, una famiglia palestinese che ha lottato contro un gruppo di coloni israeliani per 25 anni è stata costretta ad abbandonare la loro casa nel quartiere di Silwan, a Gerusalemme.

Decine di poliziotti israeliani pesantemente armati hanno fatto irruzione nella casa della famiglia Siyam, a Silwan, e hanno rimosso tutti i mobili e le apparecchiature elettriche, per fare spazio ai coloni.

Il Centro informazioni Wadi Hilweh, a Silwan, ha pubblicato un video che mostra i poliziotti mentre usavano delle scale per invadere la residenza, scontrandosi con i membri della famiglia per costringerli a uscire di casa.

Il centro ha confermato che la famiglia Siyam ha rifiutato di rispettare l’ordine di sfratto e che almeno un palestinese è stato arrestato.

Ciò avviene venti giorni dopo che un tribunale israeliano ha respinto l’appello della famiglia per rimanere nella loro casa, decidendo a favore del gruppo di coloni.

Il gruppo di Elad cerca di sfrattare i palestinesi da Gerusalemme, in linea con la politica sostenuta dai successivi governi israeliani al fine di ebraicizzare Gerusalemme.

Pochi giorni fa, il gruppo Elad ha confiscato i soldi raccolti per aiutare la famiglia di Siyam a combattere il loro ordine di sfratto.

Vale la pena notare che alcune parti dell’edificio del Siyam sono state confiscate dallo stato israeliano ai sensi della legge sulle “proprietà assente”, che considera la proprietà appartenenti ai palestinesi che sono stati sfollati, spesso dalla guerra o dalla povertà, come “assente” e, quindi, proprietà statale.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"