Feriti ed arresti durante repressione israeliana contro manifestazioni palestinesi

Ramallah – PIC. Diversi palestinesi sono rimasti feriti, venerdì, durante gli scontri con le forze d’occupazione israeliane (IOF) nei villaggi di Kafr Malik, ad est di Ramallah, Beit Dajan, ad est di Nablus, e Kafr Qaddum, ad est di Qalqilya.

A Ramallah, le IOF hanno represso una marcia contro l’attività coloniale a Kafr Malik, e diversi cittadini palestinesi sono rimasti feriti.

Fonti locali hanno riferito che le IOF erano di stanza all’ingresso orientale del villaggio e hanno impedito a cittadini, attivisti e proprietari terrieri di accedere alla zona di Ein Samia, minacciata dalle colonie, per partecipare alla marcia settimanale.

All’ingresso orientale sono scoppiati scontri e tre giovani sono rimasti feriti con proiettili di metallo rivestiti di gomma, e decine di persone hanno avuto difficoltà respiratorie.

A Nablus, le IOF hanno represso una marcia su terre minacciate di sequestro, nel villaggio di Beit Dajan, ad est della città. Sette cittadini sono stati feriti da proiettili di metallo rivestiti di gomma e decine di persone hanno avuto problemi respiratori.

Fonti locali hanno riferito che le IOF hanno fatto irruzione in diverse case a Beit Dajan, e hanno arrestato quattro cittadini.

I soldati delle IOF sono stati dispiegati nell’area minacciata mentre i partecipanti palestinesi alzavano le bandiere palestinesi intonando canti di protesta, chiedendo la fine dell’occupazione e la rimozione dell’avamposto stabilito sulle loro terre.

A Jenin, le IOF hanno arrestato Muhannad Zakarneh della cittadina di Deir Ghazala e due leader di Hamas, Abd al-Jabbar Jarrar e Sheikh Ibrahim Taher Nawahza. Lunedì, le IOF hanno anche arrestato Samer Mustafa Jaradat e Muhammad Shihab, prigioniero rilasciato da poco, e hanno convocato suo fratello, l’ex-prigioniero Faraj al-Sanouri, per un interrogatorio.

Nel frattempo, le IOF hanno fatto irruzione in aree dell’ospedale Hugo Chavez, a Turmusaba, ad est di Ramallah.

Giovedì sera, a Betlemme, i soldati israeliani hanno arrestato un giovane del campo profughi di Doheisheh, a sud di Betlemme.

Fonti locali hanno detto che le IOF erano di stanza all’incrocio del complesso coloniale di Gush Etzion e hanno arrestato Khaled Farraj, 32 anni, dopo averlo prelevato da un veicolo militare.

Scontri sono scoppiati anche a Qalqilya con i soldati delle IOF nella cittadina di Kafr Qaddum, ad est di Qalqilya, nel nord della Cisgiordania. Fonti locali hanno riferito che un giovane è stato colpito con un proiettile di metallo rivestito di gomma alla testa e decine di persone hanno avuto difficoltà respiratorie.

Per il decimo anno consecutivo, le marce settimanali contro le colonie continuano a chiedere l’apertura della strada principale della cittadina di Kafr Qaddum che le IOF hanno chiuso per l’espansione coloniale.

 

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"