Fiamma Nirenstein e la censura planetaria.

Fiamma Nirenstein e la censura planetaria.

Questo è un post lungo, noioso e imperfetto, nel senso che ci sono molte cose ancora da capire e chiarire.

Un mese fa, il 22 aprile, è stata ufficialmente lanciata una campagna per bandire per legge e in tutto il mondo ogni critica all'unico stato mediorientale a possedere armi nucleari.

Il 22 aprile scorso, infatti, la Commissione Affari costituzionali della Presidenza del Consiglio e Interni e Affari esteri e comunitari della Camera ha tenuto una breve audizione, presieduta dall'onorevole berlusconiana Fiamma Nirenstein, con alcuni  “esperti”. Mettiamo tra virgolette la qualifica, non per sottovalutare le loro competenze in altri campi, ma perché nessuno di loro era un addetto a questioni di diritto internazionale o di libertà di stampa.

E' banale ricordare che lo scopo di una riunione di una commissione parlamentare non è quello di aprire una discussione accademica, ma di studiare nuovi divieti e nuovi motivi per mettere la gente in carcere.

La tecnica per imporre il controllo sulla rete è sempre quella, usata anche in ambiti assai diversi.

Si parte dall'inevitabile rumore di sottofondo che la libertà di pensiero comporta. In questo caso, si segnala un sito assolutamente demenziale, ma proprio per questo innocuo, in cui qualche individuo disturbato e razzista lancia insulti collettivi contro tutti gli ebrei, per dire che c'è nel mondo una “emergenza antisemitismo” addirittura paragonabile a quella appena prima dell'avvento di Hitler.

Poi, di slittamento semantico in slittamento semantico, si arriva al vero obiettivo: i siti che portano aiuti concreti ai palestinesi o che denunciano i crimini commessi dallo Stato d'Israele. Così, per escogitare qualcosa per mettere al bando il sito Infopal, che si dedica esclusivamente a riportare notizie su ciò che avviene in Palestina, uno degli auditi, Stefano Gatti, dice che in quel sito “non c'è un utilizzo di stereotipi anti-ebraici classici, ma attraverso la demonizzazione dello stato ebraico, si trasforma Israele in una sorta di ebreo delle nazioni“.[1]

Continua:

http://kelebek.splinder.com/post/22757503/fiamma-nirenstein-e-la-censura-planetaria

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"