Gaza, 5.000 fabbriche hanno chiuso a causa dell’assedio israeliano

MEMO. Jamal Al-Khodari, deputato, direttore del Comitato contro l’assedio a Gaza, ha annunciato che venerdì, 5.000 fabbriche a Gaza sono state chiuse a causa dell’assedio israeliano che dura da 14 anni.

In una dichiarazione, Al-Khodari ha rivelato che tale chiusura riflette il livello di sofferenza umanitaria causata dall’assedio, in quanto migliaia di lavoratori, ingegneri, contabili e tecnici hanno perso il lavoro.

“Questa situazione sta avendo un impatto terribile sull’economia palestinese e pericolosi effetti sulla vita di più di due milioni di residenti che sopportano l’oppressione a Gaza. Ha sottolineato Al-Khodari.

Ha anche fatto notare che l’85% dei residenti a Gaza vive sotto la soglia di povertà, il che riflette le bassissime condizioni di vita locali. Il Direttore ha anche confermato che l’occupazione israeliana impone ancora un fermo sulle esportazioni e le importazioni e anche molte restrizioni sull’entrata delle materie prime e ha enfatizzato che non ci sono state “misure pratiche” per diminuire l’assedio, come riportato dai giornali.

Al-Khodari ha affermato che il miglior modo per risolvere il problema a Gaza è quello di rimuovere l’assedio e chiedere a tutti i Governi e gli Stati del mondo di esercitare pressione su Israele in tal senso.

Traduzione per InfoPal di Alice Conte

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"