Gerusalemme, 185 coloni invadono al-Aqsa per lo Yom Kippur

Gerusalemme-Quds Press e PIC. Mercoledì mattina, 185 coloni hanno invaso i cortili del complesso di al-Aqsa sotto la stretta sorveglianza della polizia.

Il Dipartimento di Gerusalemme del Waqf islamico, in una breve dichiarazione, ha reso noto che “185 estremisti hanno invaso la moschea di al-Aqsa, oggi, protetti dalla polizia israeliana”, nell’ambito delle celebrazioni ebraiche della festa dello “Yom Kippur” o “giorno dell’espiazione”.

Ha aggiunto che gli ebrei indossavano costumi speciali e alcuni di loro hanno svolto le loro preghiere a al-Aqsa.

Martedì, circa 300 coloni hanno fatto irruzione nella moschea.

La polizia israeliana continua a controllare le carte d’identità dei fedeli musulmani e a detenere alcuni di loro fino a quando i coloni non escono dalla moschea.

Secondo fonti locali, i coloni sono entrati a gruppi e hanno visitato i cortili di al-Aqsa, realizzando rituali.

Il complesso islamico è esposto all’invasione quotidiana dei coloni.

La polizia di occupazione israeliana chiude la porta di al-Maghariba, che viene utilizzata dagli ebrei per entrare nella moschea, alle 10:30 del mattino dopo che i coloni hanno completato i loro tour mattutini nel luogo sacro. Più tardi nel pomeriggio, lo stesso cancello viene riaperto per i tour serali.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"