Gerusalemme, violenza delle forze israeliane contro madre e due figlie

Gerusalemme – Pal.info e InfoPal. Gli abitanti in un quartiere del Monte degli Ulivi, nella Gerusalemme occupata, si sono scontrati con le forze israeliane che stavano tentando di sequestrare due ragazze accusate di lanciare pietre contro l’auto di un colono.

Testimoni locali hanno raccontato che lunedì notte sono scoppiati scontri con le forze di occupazione che hanno cercato di arrestare Nabila al-Sa’o, 38 anni, e le sue due figlie Tamara, 16 anni, e Tamrelin, 15, e altri due cittadini.

Secondo quanto hanno affermato i testimoni oculari, i soldati hanno cercato di sequestrare le figlie della donna, ma quando questa ha apposto resistenza, le hanno spruzzato addosso del gas al peperoncino e l’hanno arrestatae insieme alle ragazze.

I militari hanno fatto incursione in modo selvaggio nell’abitazione della donna, dopo aver lanciato granate assordanti e lacrimogeni all’interno.

Be Sociable, Share!

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"