Giornalista israeliana: Gaza è un grande campo di concentramento

MEMO. Israele ha un piano per isolare la Striscia di Gaza e privarla delle sue radici, è stata trasformata in un campo di concentramento e non ha niente a che fare con Hamas, ha scritto oggi la giornalista israeliana Amira Hass ad Haaretz.

Hass ha detto che le autorità israeliane stringono la presa sulla Striscia di Gaza e poi esprimono le loro preoccupazioni al riguardo.

“La Striscia di Gaza oggi è un campo di concentramento”, ha scritto.

“Nella Striscia di Gaza, che è chiusa come un campo confinato e separato, vivono circa due milioni di persone in uno dei luoghi più densamente popolati del mondo. Circa il 70% di loro sono discendenti di rifugiati espulsi dalle loro case. L’assenza di libertà di movimento li ha condannati a una vita di disoccupazione, desolazione, povertà, malattie, depressione, acqua e suolo contaminati e dipendenza da carità sempre in diminuzione. E questo senza gli attacchi e le incursioni militari”.

“Il campo di concentramento che è Gaza è in condizioni sempre più dure da quasi tre decenni … Prima che Hamas prendesse il comando”.

“Israele ha in mente un obiettivo politico nel trasformare Gaza in un gigantesco campo di concentramento: tagliandolo e allontanandone gli abitanti dal resto dei palestinesi in modo che diventi un’entità separata, privata di storia, radici e appartenenza”.

(Foto di Mohammed Asad/Middle East Monitor)

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"