Gruppi ebraici lanciano una campagna per la ‘ricostruzione del tempio’ al posto di al-Aqsa

Nazareth – Infopal. La Fondazione al-Aqsa per i beni religiosi e il patrimonio avverte dei rischi derivanti da una campagna mediatica di estremisti ebrei – reclamizzata sui loro siti – riguardante la 'ricostruzione del terzo tempio', al più presto, al posto della moschea al-Aqsa.

Secondo questi siti, il gruppo “La terra d'Israele è nostra” ha inaugurato la sua campagna mediatica attaccando circa 200 poster con l'immagine del cosiddetto 'terzo tempio' sugli autobus della compagnia Egged, una delle principali ditte di trasporti nella città di al-Quds (Gerusalemme).

Il poster, affisso su autobus che circolano per al-Quds riporta la frase “Che il tempio sia costruito al più presto, ora!”

Le ripercussioni di questa campagna mediatica, la quale incita alla distruzione della moschea al-Aqsa, sono molto gravi, afferma la Fondazione al-Aqsa per i beni religiosi e il patrimonio: “Indica la follia crescente degli israeliani sulla questione della moschea al-Aqsa”. E fa notare anche che questa campagna arriva nello stesso momento in cui vengono organizzati cortei di sostegno alla giudaizzazione di al-Quds organizzati dall'organizzazione sionista estremista Elad”.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"